Lunedì 21 Ottobre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Fine umanità mai PDF Stampa
Condividi

di Carlo Fusi


Il Dubbio, 12 ottobre 2019

 

Quando, con sentore di strumentalità, si tirano in ballo persone o fatti del passato per giustificare misure dell'oggi, spesso è perché le motivazioni dell'oggi sono scarse o poco convincenti. È la sensazione non l'unica: solo la più benevola - che si ricava dalla lettura delle valutazioni usate da Marco Travaglio per contestare la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo che ha invitato l'Italia a ripudiare l'ergastolo ostativo - quello senza alcuna possibilità di benefici - in quanto, appunto, inumano.

Travaglio ricorre alla memoria di Falcone e Borsellino per sostenere che loro quella misura, "l'hanno inventata" e dunque chi la critica fa il gioco dei malavitosi, dei mafiosi, dei corrotti. Anzi, dovrebbe avere il coraggio di deturpare il loro ricordo affermando che i due magistrati erano, oltre che inumani, "violatori" della Costituzione. A parte - e questo giornale lo ha scritto più volte - che la verità storica è un'altra e cioè che Falcone, consapevole che l'ergastolo senza condizionale (citiamo il nostro Damiano Aliprandi) era incostituzionale, non ha escluso i benefici bensì solo allungato i tempi per ottenerli, il nodo vero non è storico- memorialistico bensì culturale.

Quanto il sofisma sia fuorviante è confermato dalla sua stessa essenza: praticamente - e Travaglio infatti lo fa - seguendo quel percorso logico si arriva a sostenere che i giudici europei con i loro verdetti intendono non salvaguardare principi basilari della civiltà e del rispetto della dignità umana bensì surrettiziamente "dare una mano" a mafiosi, malavitosi, corrotti.

Di più. Usando lo schema precedente, perfino Papa Francesco quando sostiene che l'ergastolo ostativo è "una morte nascosta" si pone sullo stesso piano dei giudici di Strasburgo. Per Travaglio la Cedu è "demenziale". Verrebbe da usare stesso aggettivo per le sue argomentazioni. Visto che la Costituzione viene tirata in ballo forse è il caso di ricordarla. Laddove agli articoli 13 e 27 prescrive che "è punita ogni violenza fisica e morale sulle persone sottoposte a restrizioni di libertà", e che "le pene... devono tendere alla rieducazione del condannato".

Vale per chiunque: perfino per mafiosi, malavitosi e corrotti. Nessuno vuole rimetterli in libertà gratuitamente: sarà il giudice a stabilire il se e il come. Ma negargli la speranza, solo quella, di lasciare un giorno, per alcune ore, il carcere è roba da aguzzini. Dei mille e passa in quelle condizioni, il ravvedimento anche di uno solo rappresenta una vittoria per tutti. Anche per Travaglio.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it