Lunedì 22 Ottobre 2018
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Agnese e Adriana, la forza di uscire dalla prigione del rancore

PDF Stampa
Condividi

di Maurizio Patriciello

 

Avvenire, 21 ottobre 2018

 

La storia fa da sfondo. Anche il nome di Aldo Moro non viene quasi mai pronunciato. Adriana lo chiama il "papà di Agnese". A sua volta Agnese ricorda solo i nomi degli uomini della scorta trucidati in via Fani il 16 marzo del 1978. Hanno accettato di venire, queste due signore, a Sant'Agata dei Goti, nel Beneventano, per renderci partecipi del travaglio dei loro animi.

Leggi tutto...
 

Giustizia, Bonafede promette progetto di riforma processo civile

PDF Stampa
Condividi

di Emanuele Canepa

 

Il Giornale, 21 ottobre 2018

 

Il ministro Bonafede annuncia un progetto di riforma del processo civile entro 15 giorni, con importanti revisioni sulla mediazione e la negoziazione assistita. Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede durante l'intervento tenuto al VII Congresso dell'Unione Nazionale delle Camere Civili a Roma, annuncia che entro due settimane verrà presentato il progetto di riforma del processo civile.

Leggi tutto...
 

La lettera del ministro Bonafede e la dura risposta dei penalisti

PDF Stampa
Condividi

di Enrico Lupino

 

Il Tempo, 21 ottobre 2018

 

Al congresso dell'Ucpi la delusione e le richieste del presidente Migliucci. Il ministro non "torna a Surriento" e i penalisti non la mandano giù. Poteva essere un incontro scaccia-tensioni quello fra il guardasigilli Alfonso Bonafede e le Camere Penali.

Leggi tutto...
 

Il declassamento del ministro Bonafede

PDF Stampa
Condividi

di Ermes Antonucci

 

Il Foglio, 21 ottobre 2018

 

Nel congresso dell'Unione delle Camere Penali Italiane i penalisti si oppongono alle ricette populiste del nuovo esecutivo Lega-M5S in materia di giustizia. È frattura completa, ormai, tra il governo giallo-verde e gli avvocati penalisti, da ieri riuniti a Sorrento al congresso dell'Unione delle Camere Penali Italiane, che domenica eleggerà i suoi nuovi vertici, incluso il successore di Beniamino Migliucci alla presidenza.

Leggi tutto...
 

La lentezza imbarazzante della nostra giustizia va abbattuta

PDF Stampa
Condividi

di Piero Tony

 

Il Foglio, 21 ottobre 2018

 

Nel resto del mondo civile la giustizia si è aggiornata da anni rispetto alle nuove esigenze. In Italia siamo rimasti molto indietro. La situazione della giustizia pare tragica da anni, ciononostante si continua a fingere di non capire e con spudorata ipocrisia si continua a saltabeccare da un paradosso all'altro dribblando l'evidenza. E cioè la necessità di bandire le chiacchiere e dare una svolta radicale a un sistema che, parte centrale della struttura portante dello stato, da decenni tollera- con continuo rischio di rigetto- di essere considerato dalla comunità internazionale quasi come un interessante oggetto di antiquariato. Cosa fare nel dettaglio come primo passo? Magari succedesse: ispirazione culturale alla Calamandrei ("cercare di introdurre nella norma l'umanità e il rispetto") con recupero dell'originario significato mediatorio dei conflitti; abbasso il magistrato tuttologo tuttofare e domestico; organizzazione di competenze, uffici e carriere secondo princìpi di accorpamento anche sovranazionale e di alta specializzazione; incremento degli organici innanzitutto amministrativi.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 3 4 5 6 7 8 9 10 > Fine >>



06


  06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it