Mercoledì 23 Maggio 2018
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Carcere e sicurezza, dobbiamo difendere il lavoro fatto finora

PDF Stampa
Condividi

di Walter Verini*

 

Il Dubbio, 23 maggio 2018

 

Scriviamo queste considerazioni alla viglia della formazione di un Governo che sui temi della sicurezza e della giustizia presenta aspetti e intenzioni inquietanti. A noi spetterà presidiare il lavoro riformista di questi anni, per evitare che vengano smantellati atti rilevanti, che vengano introdotti contenuti ai limiti della convivenza civile. Dovremo farlo in Parlamento e nel Paese.

Leggi tutto...
 

Resistere alla deriva giustizialista

PDF Stampa
Condividi

di Stefano Anastasia

 

Il Manifesto, 23 maggio 2018

 

Onestamente quanto tardivamente Andrea Orlando, in occasione della Festa della polizia penitenziaria, ha ammesso l'errore di non aver portato a compimento la riforma dell'ordinamento penitenziario. Avrebbe dovuto farlo, il Governo Gentiloni, nel febbraio scorso, all'indomani dei pareri favorevoli delle Camere, se solo non avesse temuto di perdere quel che aveva già perso: il voto dei penultimi, solleticati dagli imprenditori politici della paura alla guerra incivile contro gli ultimi, quelli che stanno in carcere, quelli che arrivano dal mare. Avrebbe potuto farlo anche nelle scorse settimane, se solo si fosse sottratto alla vergognosa melina istituzionale che ha tenuto bloccato il Parlamento per due mesi, in attesa della formazione di un Governo, come se il primo dipendesse dal secondo e non il contrario.

Leggi tutto...
 

La riforma è morta e in carcere ci si suicida

PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi

 

Il Dubbio, 23 maggio 2018

 

Le nuove norme avrebbero inciso soprattutto sulla concessione di misure alternative, che non sarebbero state applicabili ai condannati a una pena superiore ai quattro anni. Il 16 maggio scorso c'è stato l'ultimo Consiglio dei ministri e ha si è persa l'ultima occasione che il governo aveva per dare il via libera definitivo alla riforma dell'ordinamento penitenziario.

Leggi tutto...
 

Mancata riforma penitenziaria. Stefano Anastasìa: "a rischio diritti fondamentali"

PDF Stampa
Condividi

di Teresa Valiani

 

Redattore Sociale, 23 maggio 2018

 

Il nuovo Coordinatore dei garanti territoriali fotografa la situazione delle carceri, tra emergenza sovraffollamento e assistenza sanitaria, richiamando gli enti locali a un ruolo di primo piano nel sistema dell'esecuzione penale. La situazione delle carceri italiane, il programma del nuovo governo, il ruolo dei garanti dei detenuti e i rapporti con gli enti locali in un sistema penitenziario che ha bisogno anche di uno stretto contatto con l'esterno per garantire il rispetto dei principi sanciti dalla Costituzione. Stefano Anastasìa, garante dei detenuti per Umbria e Lazio, dal 4 maggio Coordinatore dei garanti territoriali, fotografa il presente, tra impegno e preoccupazione per l'orientamento delle nuove politiche sociali e penitenziarie.

Leggi tutto...
 

Antigone si appella al Capo dello Stato perché si faccia garante dei valori costituzionali

PDF Stampa
Condividi

di Andrea Oleandri (Ufficio Stampa Associazione Antigone)

 

Ristretti Orizzonti, 23 maggio 2018

 

"Nel contratto di governo sottoscritto da Lega e Movimento 5 Stelle c'è un capitolo, l'undicesimo, che desta grande preoccupazione in quanti hanno a cuori la difesa dei valori costituzionali. Per questo abbiamo inviato una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, appellandoci alla sua carica istituzionale di custode dei valori della nostra Costituzione, affinché non si cancellino principi fondamentali che non possono essere nella disponibilità di alcuna forza politica". A dirlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, associazione che dal 1991 si occupa di garanzie nel sistema penale e penitenziario.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 3 4 5 6 7 8 9 10 > Fine >>

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it