Sabato 28 Marzo 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Brindisi: il carcere esplode, dal 15 settembre i detenuti inizieranno la protesta PDF Stampa
Condividi
Senza Colonne, 12 settembre 2010

Scrivono ancora, stavolta sono tutti compatti perché le precedenti lamentele non sono state ascoltate. E impongono un ultimatum, una data neppure troppo lontana. Se non verranno presi in considerazione entro il 15 settembre scorso faranno sciopero. Sono i detenuti della casa circondariale di Brindisi che avevano già denunciato il sovraffollamento delle celle e che tornano a battere il pugno, all’unanimità, con una lettera indirizzata a Senza Colonne, agli esponenti politici che più hanno a cuore la condizione dei carcerati, quelli di fede radicale e all’associazione Nessuno tocchi Caino.
“Scrivo a nome di tutta la Casa Circondariale di Brindisi - si legge nella missiva - e con la medesima intendo farvi sapere le nostre condizioni inerenti al regime carcerario e inoltre a cosa siamo disposti a fare se, entro e non oltre il 15 settembre 2010, non verrà applicata alcuna legge che risolva in maniera celere il problema del sovraffollamento delle carceri italiane”.
Ma i problemi dell’intero Paese affliggono anche coloro che sono reclusi in via Appia: “Parliamo ora - proseguono - delle problematiche che impegnano la casa circondariale di Brindisi. Le assidue “conte”, ossia il controllo dei detenuti cella per cella, in vari orari della giornata, che d’altronde nessuno rispetta e a causa di ciò, delle volte veniamo sorpresi senza la maglia e quindi sottoposti a provvedimenti disciplinari, poiché al momento del controllo bisogna farsi trovare in piedi e vestiti”.
 

 

 

 

07


06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it