L'Italia presente per la prima volta nel Sottocomitato Onu per la prevenzione della tortura Stampa

di Daniela De Robert


Ristretti Orizzonti, 24 ottobre 2020

 

Finalmente il Sottocomitato per la prevenzione della tortura (Spt), organo delle Nazioni Unite per la vigilanza e il monitoraggio di tutti i luoghi di privazione della libertà, ha un componente italiano.

Nella seduta di ieri, 22 ottobre, i rappresentanti diplomatici dei 91 Paesi che aderiscono al Protocollo opzionale alla Convenzione Onu contro la tortura hanno eletto Massimiliano Bagaglini come componente del Spt per un mandato di quattro anni a partire dal 1° gennaio 2021. Massimiliano Bagaglini è il responsabile dell'Unità Migranti e privazione della libertà del Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà e ricopre questo incarico sin dall'avvio, nel febbraio 2016, delle attività del Garante nazionale.

Per questo la sua elezione rappresenta non solo un riconoscimento alla persona e all'Autorità di garanzia che lo vede attivo componente, ma anche alla drammaticità del tema che egli rappresenterà in seno al Sottocomitato sulla base dell'esperienza che con continuità l'Unità migranti e privazione della libertà conduce. Il Garante nazionale è grato al Ministero degli Affari esteri e della cooperazione, all'Ufficio Nazioni Unite e alla Rappresentanza italiana a Ginevra, per l'impegno profuso affinché la candidatura di Bagaglini potesse andare in porto.