Venezuela. È strage per la rivolta in carcere: 29 uccisi Stampa

Avvenire, 26 maggio 2019

 

È di almeno 29 morti il bilancio di una rivolta scoppiata nel carcere venezuelano di Acarigua, a Caracas. Lo rendono noto le autorità locali che riferiscono di pesanti scontri tra detenuti e la polizia che ha tentato di frenare una protesta di massa scatenata dalla morte di un detenuto la scorsa settimana. Durante gli scontri sono rimasti feriti anche 19 agenti.

Il capo della polizia, Oscar Valero, ha spiegato che si sarebbe trattato di un tentativo di evasione di massa. La violenza sarebbe iniziata nel momento in cui i prigionieri hanno preso in ostaggio alcuni visitatori. I detenuti erano armati e hanno iniziato a sparare contro la polizia e a lanciare granate. Secondo fonti di polizia tra i prigionieri uccisi ci sarebbe anche uno dei leader della rivolta Wilfredo Ramos.

Versione contestata dalla Ong Osservatorio venezuelano, perché tra i motivi della protesta ci sarebbe piuttosto la situazione delle carceri in Venezuela, dove il cibo è scarso e dove i detenuti hanno da sempre denunciato abusi. I detenuti avrebbero richiesto da settimane di essere trasferiti in altre prigioni nel Paese.

Il carcere di Acarigua, creato per ospitare 60 detenuti, ne accoglie 500. La protesta per le condizioni delle prigioni in Venezuela sono sfociate in diverse rivolte interne e numerosi sono stati gli appelli internazionali per il rispetto dei diritti umani.