Domenica 19 Gennaio 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Iran: sei prigionieri impiccati a Kerman e Shiraz PDF Stampa
Condividi

www.ncr-iran.org, 18 febbraio 2015

 

Sei detenuti sono stati impiccati domenica in due prigioni delle città meridionali di Shiraz e Kerman. Un gruppo di quattro detenuti è stato impiccato nella prigione di Adelabad nella città di Shiraz, secondo notizie giunte dall'Iran. Altri due uomini sono stati giustiziati nella prigione di Shahab nella città di Kerman. Asghar Shabani e Mehrdad Abshirin facevano parte di un gruppo di tre detenuti trasferiti in isolamento sabato in attesa della loro esecuzione.

Il terzo detenuto era la moglie di Shabani il cui destino è tuttora ignoto. Queste esecuzioni sono state compiute in segreto e nessuna informazione è stata pubblicata dagli organi di stampa del paese. Queste esecuzioni seguono a ruota l'impiccagione di due detenuti baluci avvenuta nella prigione centrale di una città sud-orientale sabato. I due uomini baluci, identificati come Hamed Kahrazhi, 28 anni e Mobasher Mir-Balochzehi, avevano passato quattro anni in prigione ed erano stati condannati a morte per "moharebeh", cioè "inimicizia verso Dio".

 
Regno Unito: Chiesa dona libretti di preghiera ai detenuti PDF Stampa
Condividi

Radio Vaticana, 18 febbraio 2015

 

"Preghiere del mattino e della sera per le persone in prigione": si intitola così il libretto che la Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles (Cbcew) ha donato ai detenuti cattolici del Paese. L'iniziativa ha preso il via domenica scorsa, con una Messa celebrata da mons. Richard Month, responsabile della Pastorale carceraria, nel Centro di detenzione minorile di Feltham.

"È un libro di preghiere facile, da usare ogni giorno - spiega in una nota il card. Vincent Nichols, presidente della Cbcew - perché pregare porta i detenuti oltre le mura nelle quali sono confinati. Le loro singole preghiere, così, diventano parte di un un'unica invocazione che sale a Dio da ogni angolo del mondo".

"Le vostre voci non saranno più silenziose - continua il porporato, rivolgendosi direttamente ai carcerati - ma verranno liberate, unendosi ad un grande insieme di preghiere che include quelle di monaci, suore di clausura, sacerdoti, diaconi, insegnanti, genitori e molti altri". "Pregate! - esorta il card. Nichols - Imparate ad ascoltare Dio nella preghiera e troverete la pace nel vostro cuore". Dal canto loro, molti detenuti hanno espresso soddisfazione per il dono ricevuto, raccontando come la preghiera abbia fortificato il loro spirito, confortandoli nei momenti di difficoltà e tristezza che si vivono in prigione.

 
Giustizia: in carcere si continua a morire, a Milano-Opera il sesto suicidio del 2015 PDF Stampa
Condividi

di Damiano Aliprandi

 

Il Garantista, 17 febbraio 2015

 

Si è tolto la vita impiccandosi all'interno della sua cella del carcere di Opera, alla periferia di Milano. Parliamo dell'ennesimo suicidio all'interno delle nostre patrie galere e questa volta è toccato ad un detenuto romeno di 39 anni, condannato dalla Corte di assise d'appello di Venezia all'ergastolo per omicidio.

Leggi tutto...
 
Giustizia: falso in bilancio; accordo sulla riforma, ora l'impunità è più difficile PDF Stampa
Condividi

di Liana Milella

 

La Repubblica, 17 febbraio 2015

 

In via Arenula hanno chiuso l'accordo su falso in bilancio e prescrizione. Con una novità sostanziale per il falso e una conferma per la prescrizione. Partiamo dal primo, il più sofferto politicamente. Innanzitutto reato perseguibile d'ufficio, abolita definitivamente la querela di parte. Poi tre diversi step di punibilità. Da 2 a 6 anni per le imprese non quotate.

Leggi tutto...
 
Giustizia: la denuncia dei Radicali; lo Stato non risarcisce le vittime dei processi "eterni" PDF Stampa
Condividi

Il Tempo, 17 febbraio 2015

 

L'irragionevole durata dei processi provoca un danno erariale altrettanto irragionevole. È questa la denuncia presentata dal partito dei Radicali alla Corte dei conti. Uno dei tanti esposti a carattere politico che ultimamente hanno sommerso gli uffici della Procura contabile per il Lazio. La legge 89 del 24 marzo 2001, cosiddetta "legge Pinto", disciplina il diritto di richiedere un'equa riparazione per il danno subito quando il processo, civile o penale, supera i termini di durata ragionevole stabiliti dalla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 9641 9642 9643 9644 9645 9646 9647 9648 9649 9650 Succ. > Fine >>

 

06


06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it