Lunedì 29 Novembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Modena. Presidio davanti al carcere, slogan contro lo Stato nell'anniversario della strage PDF Stampa
Condividi

modenatoday.it, 7 marzo 2021


Un gruppo di un centinaio di manifestanti ha tenuto un sit-in davanti alle mura del Sant'Anna, circondato da cordoni di polizia. Viabilità bloccata su via Lamarmora". Come annunciato alcuni giorni fa, un gruppo composto da circa un centinaio di attivisti si è radunato oggi pomeriggio dalle 14.30 davanti al carcere di Modena: una manifestazione nata in corrispondenza dell'anniversario della strage dello scorso anno, che ha radunato diversi attivisti - provenienti da varie province - e afferenti alla galassia dell'associazionismo della sinistra radicale. I manifestanti si sono portati fino all'accesso dell'ex Cie, lungo via Lamarmora e qui hanno dato vita al presidio, con striscioni, musica e interventi al microfono.

Le forze dell'ordine, Polizia e Carabinieri, sono state schierate in forze, con una serie di cordoni in tenuta antisommossa sia su via Lamarmora che su strada Sant'Anna, mentre Polizia Locale e PolStrada hanno chiuso tutte le vie di accesso all'area della struttura penitenziaria, di fatto isolata e non raggiungibile. Anche all'interno del penitenziario la Polizia era presente in forze.

Emblematico della protesta è stato uno degli striscioni esposti: "Marzo 2020, 14 morti nelle carceri. Sappiamo chi è Stato". Gli interventi al microfono hanno infatti ripercorso i fatti dell'8 marzo scorso, con la linea comune di una negazione di quanto finora emerso nell'inchiesta - ovvero i decessi per overdose per i quali è stata chiesta l'archiviazione - ed imputando agli agenti della Polizia Penitenziaria la responsabilità delle morti. Tra i cori "Fuoco alle carceri", "libertà libertà" e numerosi insulti alle forze dell'ordine. Intorno alle ore 16 i manifestanti hanno lasciato il presidio sulla strada per avventurarsi nel campo antistante alla recinzione del carcere, dove sono intervenuti anche gli agenti antisommossa. A parte gli sfottò e gli slogan, tutto si è svolto senza scontro fisico.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it