Mercoledì 08 Dicembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Toscana. Accordo per la legalità tra istituti penitenziari e garanti dei detenuti PDF Stampa
Condividi

di Antonella Barone


gnewsonline.it, 6 marzo 2021

 

Collaborare per tutelare i diritti dei detenuti, migliorare la qualità di vita e rispettare la legalità negli istituti penitenziari della Toscana, sono gli intenti principali del protocollo d'intesa biennale siglato fra il provveditore regionale dell'Amministrazione penitenziaria per la Toscana e l'Umbria, Carmelo Cantone, il garante dei detenuti per la Toscana, Giuseppe Fanfani, e i garanti comunali. L'accordo è stato firmato ieri e presentato alla stampa nell'aula consiliare del Consiglio regionale alla presenza del presidente Antonio Mazzeo. La convenzione, sulla base della disciplina generale delle visite nelle carceri, contenuta negli articoli 67 dell'Ordinamento penitenziario e 117 del DPR 230/2000, definisce più nel dettaglio le regole relative all'accesso dei garanti negli istituti e agli impegni delle parti in attività, azioni e collaborazioni.

"Il senso del protocollo - ha dichiarato il provveditore Carmelo Cantone - è di lavorare insieme all'abbattimento del 'colesterolo burocratico', come lo definiva Mino Martinazzoli, ministro della Giustizia negli anni Ottanta. Dobbiamo rendere tutto più semplice e trasparente, metterci in gioco e condividere progetti e criticità".

Di rilievo l'impegno dei garanti a promuovere azioni congiunte con l'Amministrazione Penitenziaria per "sollecitare, suggerire e valutare l'attività degli organismi regionali, provinciali e comunali competenti in materia di diritti dei detenuti". Amministrazione penitenziaria e garanti hanno, del resto, già sollecitato in più occasioni Regioni e ASL a organizzare, con urgenza, somministrazioni vaccinali nelle carceri. Il presidente Antonio Mazzeo - che nel suo intervento ha ribadito l'intenzione di rendere il consiglio regionale "sempre più il luogo per dare voce a chi ha meno voce" -, ha in proposito sottolineato l'impegno a collaborare per mettere al più presto in sicurezza personale penitenziario e detenuti.

All'incontro erano presenti i garanti comunali di Livorno Marco Solimano, Lucca, Alessandra Severi, Pisa, Alberto Marchesi, Porto Azzurro, Tommaso Vezzosi, e San Gimignano, Sofia Ciuffoletti. Il garante per la Toscana, Giuseppe Fanfani, ha sottolineato come l'accordo realizzi quella leale collaborazione che è tra "i principi fondamentali dei rapporti interistituzionali nelle democrazie avanzate".

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it