Domenica 05 Dicembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Vecchio e malato, scarcerato solo quando ha preso il Covid PDF Stampa
Condividi

di Fausto Malucchi


Il Riformista, 5 marzo 2021

 

Moreno ha 70 anni, un tumore alla prostata. Ha bisogno di assistenza costante. Eppure gli è stata negata la detenzione domiciliare. È rimasto in cella finché il virus non si è impossessato di lui. Ora è in un letto d'ospedale a lottare contro la morte.

Il momento più duro è quando esci e non hai dato sostanza a quanto ti ha chiesto, con insistenza, quasi con supplica, un condannato, un condannato anziano. Moreno M. è un uomo minuto che ho conosciuto diversi mesi fa in carcere dove stava espiando una pena di tre anni e mezzo per un reato di bancarotta, bancarotta fraudolenta. Non è alla prima esperienza di questo tipo; per molti anni ha sentito il rumore metallico delle porte, la chiave che sigillava la sua notte.

Nella sua vita è stato più bancarottiere che imprenditore ma non l'ha mai fatta franca, nel senso originale della frase e non come va dicendo in giro qualcuno. Bastano però pochi minuti, il tempo necessario per il racconto dei suoi malanni per capire che il carcere forse non è proprio il luogo più adatto per un uomo come lui. Moreno ha un tumore alla prostata, l'ipertensione, l'iperlipidimia mista, l'edentulia grave e soprattutto non è più in grado di gestire le sue urine. Per questo indossa per tutto il giorno e per tutta la notte, in pratica a vita, un pannolone.

Per le sue funzioni, anche quelle minime, avrebbe bisogno di un piantone e nell'attesa, mosso a compassione, svolge il ruolo, con merito, il suo compagno di cella. Già, la cella. Io non l'avevo mai vista una cella prima che mi ci facesse accedere il Partito Radicale in una visita organizzata quattro o cinque anni fa al carcere di Pistoia, quello vero, quello che inizia nello stesso posto dove noi avvocati in genere ci congediamo dal cliente per ritornare fuori.

E la cella di Moreno è grande all'incirca come un ripostiglio ma ora vi vivono in due, non più in tre come avveniva in tempo di super-sovraffollamento. Oggi per fortuna la situazione è migliorata ed il sovraffollamento è sovraffollamento e basta, grazie al cielo, e la cella di Moreno, da dividersi con l'improvvisato piantone, per le sue dimensioni, volendo sembra quasi un nido e non più un luogo di espiazione. Comunque, ad un'istanza di detenzione domiciliare per motivi di salute non ho saputo rinunciare, nella quasi certezza che anche i magistrati ad un uomo anziano e malato, criminale sì ma da strapazzo, non avrebbero detto di no.

Ed invece il Magistrato di Sorveglianza in prima battuta (15 febbraio 2020) ed il Tribunale nel successivo giudizio (4 giugno 2020) hanno ritenuto che le condizioni cliniche del condannato fossero "discrete" e di conseguenza non incompatibili con il regime carcerario. Ho aspettato il 4 novembre, il giorno in cui il Moreno compiva settanta anni, per regalare al mio assistito un nuovo ricorso. Questa volta ai sensi dell'art. 47 ter, comma I°, O.P. "la pena della reclusione per qualunque reato... può essere espiata nella propria abitazione o in altro luogo pubblico di cura, assistenza ed accoglienza, quando trattasi di persona che... abbia compiuto i settanta anni".

A giugno era fallito il tentativo di Fratelli d'Italia, Lega e Cinque Stelle di innalzare a 75 la soglia di quel beneficio e quindi Moreno avrebbe potuto certamente usufruirne. C'erano anche due nuovi elementi che sembravano favorire la sua richiesta: la sua salute ancor più pregiudicata e il Covid che stava minacciando non soltanto i detenuti ma anche le persone sane di libertà.

E proprio facendo leva anche sul Covid e su qualche provvedimento di Giudici che avevano avvertito il pericolo, pensavo che stavolta non ci sarebbe stata questione e men che meno rifiuto. All'udienza del 9 febbraio 2021 il P.G. chiedeva il rigetto dell'istanza ed il Tribunale di Sorveglianza rinviava al 20 aprile per avere un supplemento di relazione dal carcere. Mogio mi son recato da Moreno per dare conforto morale visto che comunque foro alla calda stagione non si sarebbe più parlato della sua storia e a quella data forse saremmo stati anche nella condizione di poter chiedere la detenzione domiciliare ordinaria.

Ma appena arrivato all'ingresso sono stato cortesemente informato che Moreno non era più li. Il rinvio questa volta non l'aveva concesso il virus e Moreno stava lottando con la morte nel relativo reparto dell'Ospedale San Iacopo di Pistoia. Carissimo Moreno questa volta ce l'ho fatta, ti ho tirato fuori dal carcere per motivi di salute e con largo anticipo sulla prossima udienza fissata alle di d'aprile. Spero che anche tu ce la possa fare. Io nel frattempo continuerò a sbirciare nel Parlamento, nelle aule di Giustizia, nelle carceri, alla ricerca dell'uomo.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it