Giovedì 03 Dicembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

La Costituzione spiegata dai notai ai detenuti in uno spettacolo teatrale PDF Stampa
Condividi

di Annarita D'Ambrosio


Il Sole 24 Ore, 24 ottobre 2020

 

Non solo la spiegazione degli articoli principali, ma una narrazione supportata da contributi audio e video, un progetto dall'alto valore formativo e divulgativo. In occasione della Giornata europea della giustizia civile che ricorre il 25 ottobre di ogni anno, Notariato italiano, in collaborazione con il ministero della Giustizia, in campo con una rappresentazione teatrale sulla nostra carta costituzionale.

"Questa Costituzione è uno spettacolo" il titolo della piece che sarà trasmessa per la prima volta in modalità digitale in contemporanea in sei istituti penitenziari d'Italia, all'interno dei quali sono previsti anche momenti di interazione fra i detenuti ed il notaio Giulio Biino, ideatore e interprete dello spettacolo, che, collegato in diretta da remoto, risponderà alle domande che gli saranno poste.

Dove si vede - È stato il ministero ad individuare gli istituti carcerari all'interno dei quali si svolge l'iniziativa: la Casa di reclusione Milano Opera, gli Istituti penitenziari di Parma, la Casa di reclusione di Roma Rebibbia, la Casa circondariale di Firenze Sollicciano, il Centro penitenziario di Napoli Secondigliano, la Casa circondariale di Palermo "Pagliarelli" e quella Lorusso e Cutugno di Torino, durante la quale verrà trasmessa la versione digitale dello spettacolo teatrale interpretato dal notaio Biino, consigliere nazionale del Notariato con delega alla comunicazione, e dal notaio torinese Fabrizio Olivero.

I notai presentano ai detenuti la Costituzione come se fosse un romanzo, concentrandosi sugli articoli dedicati alla detenzione e ai diritti riconosciuti ai detenuti, intervallando testi e commenti della Carta costituzionale con una colonna sonora pensata per l'evento, videoclip, spezzoni di film, richiami ai mezzi di informazione ed ai giornalisti.

Vicinanza al mondo carcerario - Di un segnale importante di vicinanza istituzionale al mondo penitenziario ha parlato il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Bernardo Petralia, mentre Cesare Felice Giuliani, presidente del Consiglio nazionale del Notariato ha sottolineato l'importanza dell'evento "in un anno particolare come quello che stiamo vivendo, in cui la condivisione dei valori di comunità è diventato requisito imprescindibile per vincere una delle sfide più difficili del nostro secolo".

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it