Giovedì 22 Ottobre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Non ha rinnegato i No-Tav: deve andare in prigione PDF Stampa
Condividi

di Angela Stella


Il Riformista, 18 settembre 2020

 

L'attivista è stata portata nel carcere delle Vallette, deve scontare due anni per una protesta del 2012. Negate le misure alternative perché non si sarebbe allontanata né dal movimento né dal territorio. L'altra notte la polizia ha fatto irruzione nella casa di Dana Lauriola, l'ha arrestata e l'ha portata nel carcere di Torino. Lei è una signora di 38 anni, leader del movimento No-Tav.

Non ha commesso reati violenti o una rapina in banca. Ha solo partecipato ad una pacificissima manifestazione contro la Tav, qualche anno fa, che consisteva nell'aprire i caselli dell'autostrada e permettere agli automobilisti di uscire senza pagare. La manifestazione è durata una mezz'oretta. Un gruppo di manifestanti è stato identificato e denunciato. Tra loro, oltre a Dana, c'era anche Nicoletta Dosio, 73 anni.

Dana è stata condannata a 2 anni di prigione, Nicoletta solo un anno. A tutte e due è stata negata la condizionale e a Dana anche le misure alternative al carcere, che pure lei aveva chiesto. Perché gliel'hanno negate? Perché non ha dato segni di ravvedimento. I giudici chiedevano l'abiura. Come penso si faccia in Iran, non so se anche in Turchia. Forse no.

L'arresto di Dana Lauriola è indubbiamente un atto politico. In Italia provvedimenti del genere si prendevano con una certa frequenza tra il 1922 e il 1945. Poi ci fu il 25 aprile. Nel mondo politico scarse reazioni. Non frega quasi niente a nessuno. Le uniche reazioni indignate sono quelle di alcuni 5 Stelle, per esempio il senatore Alberto Airola si è rivolto a Mattarella perché intervenga. Giusto. Però Airola non se l'è sentita di muovere un passo garantista e basta.

Ha chiesto insieme alla liberazione di Dana l'arresto di Roberto Formigoni. Non c'è nessuno in giro che sia capace di esprimere idee e compiere azioni puramente garantiste o libertarie. L'idea è che una giustizia giusta sia quella che protegge i tuoi amici e incarcera i tuoi nemici. Chiaro che così vince sempre la parte peggiore della magistratura.

Ieri notte in Valsusa è stata arrestata la portavoce del movimento No Tav e attivista del centro sociale Askatasuna Dana Lauriola: la 38enne è stata immediatamente trasferita nel carcere torinese delle Vallette. Gli agenti della Digos si sono presentati all'alba nella sua casa di Bussoleno dove da due giorni gli attivisti del movimento avevano dato vita ad un presidio permanente contro la decisione del Tribunale di Torino di respingere la richiesta di misure alternative. Attimi di tensione si sono registrati tra i manifestanti contrari alla linea ad alta velocità Torino - Lione e le forze dell'ordine in tenuta antisommossa giunte nei pressi dell'abitazione della Lauriola.

La donna deve scontare una condanna in via definitiva a due anni per una protesta a cui ha partecipato il 3 marzo 2012. Quel giorno di otto anni fa circa 300 persone, con lo slogan "Oggi paga Monti", occuparono l'area del casello autostradale di Avigliana della Torino-Bardonecchia facendo passare gli automobilisti senza pagare il pedaggio. Dodici furono le condanne per un totale di diciotto anni di reclusione per reati di violenza privata, danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio.

La donna, venuta a sapere che a breve sarebbe stata privata della sua libertà personale, si era detta "serena" e aveva aggiunto: "Andrò in carcere, ma la notizia non giunge inaspettata. Ho semmai la fortuna di poter salutare famiglia e amici prima che vengano a prendermi". E quasi con amara ironia aveva concluso: "Credo che in prigione mi prenderanno in giro, sono l'unica in Italia ad andarci per un mezzo blocco stradale".

Secondo il Tribunale di Torino, qualsiasi misura alternativa alla pena detentiva è da rifiutare in quanto Dana Lauriola non si sarebbe allontanata né dal movimento No Tav né dal territorio in cui viene portata avanti la contestazione contro la realizzazione del progetto di alta velocità ferroviaria.

Non sono ovviamente mancate le polemiche: "Qui si colpisce un movimento e si colpiscono le idee, non è quello che hai fatto, ma quello che pensi", ha commentato Alberto Perino, volto storico del movimento. Il movimento, dal sito notav.info, ha lanciato un duro comunicato contro l'arresto della Lauriola in cui, tra l'altro, leggiamo: "Questa mattinata (ieri, ndr) ha sancito che la Val Susa è fuori dallo Stato di Diritto, è un territorio occupato come diciamo da anni, dove le forze dell'ordine possono fare il buono e il cattivo tempo al servizio dei potenti senza che nessuno dagli scranni istituzionali faccia domande". Siamo dinanzi - aggiungono - ad una "vergognosa prepotenza contro una donna, una compagna e contro un intero territorio".

Dal mondo politico ad insorgere contro l'arresto sono intervenuti diversi esponenti del Movimento Cinque Stelle, da sempre contrario alla Tav. Il senatore Alberto Airola ha fatto "appello a Mattarella presidente del Csm: presidente - ha scritto su Facebook - basta con questa magistratura controllata dalla politica. Servono altre prove o i recenti fatti di cronaca non bastano? Lei è un uomo intelligente e capirà ma sarà anche un uomo probo per agire? So che mi capisce, so che conosce benissimo il problema, la prego di non girare la testa altrove".

La consigliera regionale Francesca Frediani si è detta "senza parole. Solo un grande senso di impotenza. Questa cosa riguarda la democrazia nel nostro Paese". Qualche mese fa aveva fatto notizia, invece, la vicenda dell'altra attivista No Tav Nicoletta Dosio: la 73enne era stata condannata per violenza privata e interruzione di pubblico servizio sempre per i fatti del 2012 ma aveva sempre dichiarato di non voler chiedere misure alternative come i domiciliari e di essere pronta ad andare in carcere: "Il carcere - aveva detto non è uno luogo di riscatto ma di pena però più forte del timore del carcere è la rabbia per l'ingiustizia. Questa è una resistenza, perché sappiamo di essere dalla parte della ragione".

 

 

 

 

04


03


02


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it