Lunedì 20 Settembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

La peste del linguaggio. Quando il detenuto diventa una "persona privata della libertà" PDF Stampa
Condividi

di Nando dalla Chiesa


Il Fatto Quotidiano, 7 settembre 2020

 

Ma benedetti figli, non ce l'hanno un linguista? Non dico un Tullio De Mauro, ma una persona di buon senso che conosca l'italiano? Mi riferisco a chi in Parlamento, nei ministeri o altrove maneggia con straordinario sprezzo del ridicolo la nostra lingua per sfornare leggi e norme.

Stavo giusto meditando su quale persona o situazione scegliere per queste "Storie italiane" quando un telegiornale della sera ha rivoluzionato tutto. Parlando dello scandalo primaverile delle cinquecento scarcerazioni in massa di boss e trafficanti, il notiziario ha nominato un "Garante delle persone private della libertà". Che una volta era prima di tutto Garante dei detenuti.

I quali, a quanto pare, annoverano ora tra i loro diritti quello di non essere più chiamati tali. Una nuova, classica operazione di travestimento semantico. A volta queste operazioni hanno un senso, come quando la domestica è diventata "collaboratrice domestica". Altre volte sono ridicole, come quando il netturbino (già diverso dallo spazzino) sarebbe dovuto diventare operatore ecologico. Altre volte sono tragicomiche, come in questo caso.

Che cosa vuole dire "persone private della libertà"? Si rendono conto gli sprovveduti di quel che scrivono? Purtroppo non c'è più un Calvino che deplori, quando arriva, "la peste del linguaggio". Ma qui la peste del politicamente corretto colpisce davvero senza pietà. Perché a essere privati della libertà non ci sono solo i detenuti, che ogni persona assennata continuerà a chiamare tecnicamente, e senza intenti offensivi, "detenuti".

Ma ci sono altre numerose schiere di persone. Per esempio le donne - mogli, fidanzate e figlie - degli uomini di mafia. Ne stiamo leggendo ormai una quantità di storie raccapriccianti. Vere forme di schiavitù, rispetto alle quali la libertà di azione e di parola di un detenuto diventa quasi un miraggio. Oppure ci sono i testimoni di giustizia, anch'essi privati della loro libertà e in più, spesso, anche del nome. Sono di fatto dei "fine pena mai", perché non ci sarà mai un medico o un giudice, per quanto corrotto o codardo, capace di restituirli avita libera.

E di quale libertà godono poi i minori che si affastellano negli opifici cinesi, tra il posto di lavoro e la branda, senza poterne uscire per anni? E ancora, ma si potrebbe continuare a lungo: di che libertà godono le giovani prostitute vittime di tratta a sedici, diciassette anni, tenute come bestie-bancomat dalle organizzazioni che le sfruttano?

E infine, pietra di paragone massima: e gli ostaggi dei sequestri di persona? Se le parole hanno un senso il Garante delle "persone private della libertà" deve occuparsi anche di tutti costoro, deve scovare i luoghi in cui i loro diritti vengono conculcati e poi difenderne la domanda di giustizia, trattandosi per di più non di "presunti colpevoli" ma di esseri certamente innocenti. Anzi: da che parte starà questa figura mitologica di garante, dovesse mai essere chiamata a scegliere tra i diritti di questi innocenti "privati della libertà" e quelli di chi, avendogliela tolta, incorresse poi nella punizione dello Stato?

Quesito interessante e imbarazzante. Già immagino qualcuno sorridere, con aria di superiorità. "Ma il garante mica deve pensare a tutte queste persone. Pensa ai diritti dei detenuti". Appunto, e torniamo al punto di partenza. Se alla parola conseguono i fatti, tutto cambia (e forse non sarebbe male, visto che le categorie di cui abbiamo parlato sono totalmente indifese).

Se le parole sono invece maquillage che toglie a una società i suoi significati, siamo alla truffa, o alla barzelletta. E significa che c'è il Covid ma c'è anche la peste del linguaggio. E a proposito. Quello che viene giustamente invocato è il distanziamento "fisico". Contro le distanze sociali è da più di due secoli che ci battiamo. Ribadisco: dategli un linguista.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it