Giovedì 24 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Livorno. A Gorgona e Pianosa i detenuti diventano braccianti PDF Stampa
Condividi

redattoresociale.it, 9 giugno 2020


Nelle due isole dell'arcipelago toscano, grazie a un accordo tra Regione e Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, alcuni reclusi potranno avviare progetti lavorativi. I detenuti diventano braccianti. Via Libera all'accordo di collaborazione tra la Regione Toscana e il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea) per la realizzazione di attività finalizzate all'inclusione lavorativa e sociale dei detenuti, ospiti dei penitenziari di Gorgona e Pianosa.

Lo schema della convenzione è stato deliberato nel corso dell'ultima seduta di Giunta su proposta dell'assessora alla formazione, istruzione e lavoro, Cristina Grieco. La delibera definisce anche l'entità delle risorse assegnate, pari a 60 mila e 65 euro, nell'ambito del progetto "Modelli sperimentali di intervento per il lavoro e l'inclusione attiva delle persone in esecuzione penale", finanziato dal Pon (Piano operativo nazionale) Inclusione 2014-2020 del Miur, e di cui la Regione è beneficiaria. Il finanziamento assegnato per la realizzazione delle attività del progetto sarà così suddiviso: 48 mila e 800 euro a carico della Regione e i rimanenti 16 mila e 265 euro a carico di Crea.

"È un progetto sperimentale decisamente innovativo, cui teniamo molto - spiega Grieco - perché consente, attraverso lo strumento della formazione, l'inserimento lavorativo e sociale dei detenuti e, nello stesso tempo, la promozione dello sviluppo delle attività economiche dei territori direttamente interessati, grazie a una rete di attori, pubblici e privati, costruita in modo strutturato e integrato. Da anni la nostra Regione è fortemente impegnata in progetti che favoriscano l'inclusione attiva, la promozione delle pari opportunità, lo sviluppo dell'occupazione e la fattiva partecipazione delle realtà istituzionali e imprenditoriali locali, dando il proprio contributo nel definire un modello organizzativo, che potrebbe poi essere replicato a livello nazionale".

Le attività previste dall'accordo sono molteplici: analisi dei contesti dove saranno avviate le sperimentazioni, definizione dei fabbisogni territoriali, benchmarking (analisi comparativa), raccolta di informazioni strutturate, finalizzate alla conoscenza approfondita dell'organizzazione interna delle colonie agricole, dei processi produttivi, della potenziale domanda e possibili modelli di business, che potranno fare da volano successive fasi progettuali. "Il progetto è complesso e coinvolge non solo la Toscana, ma anche altre Regioni come la Puglia, che è capofila, l'Abruzzo e la Sardegna - aggiunge l'assessora al diritto alla salute, al welfare e all'integrazione socio-sanitaria, Stefania Saccardi.

L'inclusione sociale e lavorativa di persone svantaggiate, in ambito agricolo e rurale, è una delle azioni su cui intendiamo investire. Il nostro intento è quello di rafforzare il rapporto tra i servizi sociali e quelli di politica attiva del lavoro tramite la sperimentazione di percorsi di inserimento lavorativo intramurario dei detenuti, a partire dai settori delle produzioni agricole e della falegnameria, aiutando queste persone ad acquisire le competenze necessarie. Peraltro, nei territori di Gorgona e Pianosa abbiamo già in essere alcuni progetti sociali e quest'ultima iniziativa non fa che rafforzare il nostro impegno per la valorizzazione di queste due isole straordinarie".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it