Domenica 27 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Scambio di detenuti: Trump ringrazia l'Iran. Teheran: non è frutto di negoziati PDF Stampa
Condividi

agenziastampaitalia.it, 8 giugno 2020


Donald Trump ieri poche ore dopo l'arrivo del veterano della Marina americano negli Usa in un tweet ha ringraziato l'Iran per averlo liberato. Secondo l'agenzia iraniana Irna Trump dopo l'arrivo di Michael White sul suolo americano ha scritto: "Sono felice che Michael White è tornato a casa. È molto emozionante. Grazie Iran!". Il presidente americano ha inoltre ripetuto le sue solite bugie sui negoziati con Teheran: "ciò indica che un accordo è possibile".

È da ricordare che sono stati proprio gli Usa a ritirarsi unilateralmente dall'accordo nucleare internazionale firmato nel 2015 da Teheran con i cosiddetti (5+1). Nel frattempo il segretario del Supremo Consiglio di Sicurezza Nazionale dell'Iran, Ali Shamkhani venerdì sera su Twitter ha ricordato che lo scambio di detenuti tra Iran e Stati Uniti non è il frutto di alcuna trattativa tra i due paesi ribadendo che neanche in futuro non si terrà nessun negoziato tra Teheran e Washington.

Giovedì sera anche il ministro degli Esteri della Repubblica islamica, Mohammad Javad Zarif, ha espresso gioia per il fatto che il dottor Majid Taheri e White potranno riabbracciare le rispettive famiglie come anche il secondo iraniano tornato in patria questa settimana, Sirous Asgari, dopo essere stato scagionato dalle false accuse di aver trafugato segreti commerciali negli Usa. "Questo può accadere per tutti i prigionieri", ha dichiarato Zarif su Twitter, "non c'è bisogno di operare una sezione. Gli ostaggi iraniani detenuti negli o per contro degli Usa devono tornare a casa".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it