Domenica 27 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Carceri: tra virus e rivolte, il racconto dei protagonisti PDF Stampa
Condividi

fpcgil.it, 22 maggio 2020


Tra Fase 1 e Fase 2, e il cambio di vertici del Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria, tra il rischio del contagio e la gestione delle rivolte, ecco il racconto dei protagonisti delle vicende che hanno coinvolto le carceri in questi mesi.

Un evento inaspettato, tragico, che ci ha investito all'improvviso tra fine febbraio e inizio marzo, ha stravolto le nostre abitudini consolidate e ha messo in evidenza tutte le fragilità del nostro sistema. Pensiamo al nostro servizio sanitario, pensiamo alle carceri. In queste ultime si sono vissute situazioni tra le più complicate e pericolose di tutta la vicenda. Tutti abbiamo tremato all'idea che un virus così virulento potesse infiltrarsi in un ambiente chiuso, 'indifeso' e che potesse fare danni di grossa portata.

Per limitare al minimo il rischio di contagio tra detenuti, visitatori e lavoratori, sono state messe in atto una serie di misure che hanno portato alla scarcerazione di quasi 10 mila detenuti a cui sono state applicate misure alternative alla detenzione (passando dai 61.230 detenuti di inizio marzo ai 52.679 attuali). Questo ha fatto sì che la situazione non precipitasse e che non dovessimo assistere ad una tragedia nella tragedia. In un'istituzione chiusa dove il rischio epidemiologico era altissimo si sono registrati un totale di 119 contagi tra i detenuti e 162 tra i lavoratori.

E come se non bastasse, alla preoccupazione in termini sanitari si è aggiunta una questione di sicurezza, a causa dell'esplosione delle rivolte di detenuti e alle conseguenti evasioni, che ha interessato circa 50 carceri in tutto il Paese (tra cui Foggia, Napoli, Milano, Salerno, Roma) e ha coinvolto 6 mila detenuti.

Tutto questo ha creato una miscela esplosiva che ha messo a dura prova il sistema e ha portato alle dimissioni del capo del Dap, Francesco Basentini, sostituito con Bernardo Petralia. Tra caos, paura e incertezza da parte di tutte quelle figure professionali che dentro al carcere svolgono la loro professione: polizia penitenziaria, assistenti sociali, educatori. Oggi sono proprio i protagonisti di questa storia a raccontarci la loro esperienza, tra i timori delle settimane passate e le incertezze di quelle che verranno, con l'avvio di una fase 2 non rassicurante.

 

Antonino, poliziotto penitenziario, era di turno quando è esplosa la rivolta a Bologna

 

"Da giorni si respirava un'aria tesa, arrivavano le notizie delle prime rivolte in alcuni carceri del Paese. L'indomani avremmo dovuto comunicare ai detenuti che i colloqui in presenza con amici e parenti erano interrotti. Si avvertiva una sensazione forte. Tornai a casa e dissi a mia moglie: "Mi sa che domani non torno a casa".

Il giorno successivo, il 9 marzo, ero di servizio. E' stato un crescendo di tensione. Il direttore ha incontrato i detenuti per informarli e si sono cominciati a sentire rumori e vocii di sottofondo che arrivavano dalle sezioni. Dopo poco sono esplosi i disordini e i detenuti hanno preso il controllo del carcere. Hanno cominciato ad aprire i cancelli, a forzarli. Erano circa 600 contro 150 agenti. Abbiamo dovuto abbandonare il reparto perché il rischio era veramente pesante. Sono sensazioni che non si dimenticano, di completa perdita di controllo, di essere assaliti.

Da quel momento sono stati due giorni incredibili: carabinieri, elicotteri che sorvolavano il carcere, incendi... Dopo due giorni abbiamo deciso di rientrare e di riprendere il controllo della situazione. Fortunatamente molti detenuti si sono arresi, erano stremati. Abbiamo trovato l'istituto completamente distrutto. Questi episodi rimarranno nella storia.

La cosa che più ci è dispiaciuta di tutta questa vicenda però è stata la sensazione di essere abbandonati: i dispositivi di sicurezza arrivati in ritardo, test e tamponi che hanno cominciato ad essere effettuati solo da pochi giorni, nonostante avessimo da subito registrato i primi contagi e anche qualche deceduto. In questo abbandono noi abbiamo continuato a lavorare, a tornare dalle nostre famiglie con il dubbio di essere potenziali veicoli del contagio. Non è stata affatto bella la sensazione, portata addosso per due mesi, di essere possibili portatori del virus".

 

Stefano è un educatore che lavora con i detenuti del carcere di Livorno

 

Il loro lavoro non si è mai interrotto. Fino all'ultimo hanno continuato a garantire la loro presenza, mettendo a rischio la propria salute. "Fin da subito ci è stato chiesto di essere presenti il più possibile, anche per ridurre il disagio dei detenuti a cui era stato impedito di vedere i parenti. Questo perché tra detenuti ed educatore si instaura un rapporto particolare: lì dentro siamo noi la loro famiglia. Solitamente ci circondano, ci abbracciano. Sto parlando di un educatore per 100 detenuti. Questo vuol dire anche però che svolgere il nostro lavoro in una condizione di emergenza sanitaria è ancora più pericoloso.

Nonostante questo, in un primo momento non ci è stato concesso neanche il diritto di tutelarci: ci hanno intimato, anche con una certa ostilità, di non indossare la mascherina per non creare allarme e spaventare i detenuti. Una gravissima sottovalutazione del problema da parte dell'amministrazione. A un certo punto, invece, hanno preso atto che non si poteva continuare a negare l'evidenza. Quando hanno capito che il fatto che i detenuti si potessero spaventare era il male minore, e che andava evitata una strage di contagi, allora sono arrivate le mascherine e ci è stato concesso di indossarle. Come se poi i detenuti non avessero la tv e non vedessero cosa accade al di fuori. Il modo di affrontare l'emergenza da parte dell'amministrazione è stato assolutamente insufficiente. Sono andati nel pallone. Ci sono state poche direttive, in ritardo e confuse. Ci siamo ritrovati in balia delle cose. Ciò che rivendichiamo noi è semplice rispetto, per la persona prima ancora che per il lavoratore. I diritti non si barattano".

 

Paola, assistente sociale di Roma, racconta come è cambiato il lavoro con il virus

 

"E' stato un periodo molto pesante. Avevamo paura di andare in ufficio ma dovevamo continuare a lavorare. Basti pensare che solo al Uepe di Roma abbiamo in carico più di 4.400 persone. La verità è che non ci siamo fermati mai. In carcere la situazione era troppo a rischio, quindi abbiamo interrotto gli incontri con i detenuti ma siamo rimasti in contatto con le loro famiglie per svolgere le indagini socio-familiari. E in ufficio abbiamo proseguito gli incontri con le persone che iniziavano una misura alternativa al carcere, ma con appuntamenti che impedissero che si creasse affollamento, mantenendo un contatto telefonico con gli altri utenti per rispondere alle loro numerose richieste di aiuto. Tutto questo però senza divisori e senza dispositivi di protezione (le mascherine sono arrivate a inizio aprile) ma soprattutto senza che nessuno ci dicesse cosa dovevamo fare. Ogni ufficio si è organizzato per sé.

Per avere qualche giorno di smart-working noi assistenti sociali, psicologi e operatori amministrativi, abbiamo dovuto combattere con un'amministrazione disorganizzata e resistente. E' dovuto intervenire il sindacato. Mi rendo conto che il problema è prima di tutto culturale: siamo ancora restii a concedere una modalità di lavoro che non preveda la presenza. Come se da quello dipendesse l'efficienza. E così siamo entrati in smart-working in ritardo e senza che ci venissero forniti gli strumenti: né pc né collegamento a internet.

Con questa fase 2 dovremmo tornare, un passo per volta, alla normalità. Le direzioni stanno spingendo molto per questo. Ma ci vuole la massima attenzione per non mettere a repentaglio quanto fatto finora. Noi siamo disposti al confronto: rientrare sì ma in massima sicurezza. Il Covid ci ha cambiato la vita, ha cambiato le nostre abitudini. Ma abbiamo sentito molto forte la responsabilità di quello che ci veniva chiesto e non ci siamo mai tirati indietro".

In tutta questa storia, anche i dirigenti degli istituti penitenziari, come il resto del personale, si sono ritrovati a dover fronteggiare un'emergenza imprevista, pericolosa e fuori dall'ordinario, con un'enorme responsabilità sulle spalle. E, nonostante le direttive confuse che arrivavano da parte dell'amministrazione, hanno adottato tutte le misure di prevenzione del contagio che venivano impartite, adattandole ai contesti e lavorando in sinergia con i presidi sanitari locali.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it