Lunedì 28 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Palermo. "Nessuna scarcerazione di massa. Ognuno ha diritto di morire a casa" PDF Stampa
Condividi

di Riccardo Lo Verso


livesicilia.it, 9 maggio 2020

 

Intervista all'ex giudice istruttore Giuseppe Di Lello. Scontro Di Matteo-Bonafede: "Uno dei due deve dimettersi". "Le scarcerazioni sono state fatte in base a leggi esistenti, altrimenti sarebbe concorso in evasione", dice Giuseppe Di Lello, uno dei quattro giudici istruttori dell'originario pool antimafia di Palermo con Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Leonardo Guarnotta. E poi un lungo impegno politico per Rifondazione Comunista.

 

Dunque nessuno scandalo, nessun allarme?

"Secondo me c'è un allarme giustificato dallo scandalismo. Quanti sono i boss detenuti 41bis che sono stati scarcerati? Dalle cronache risultato tre. Non c'è alcuna scarcerazione di massa".

 

I detenuti che hanno lasciato il carcere nell'ultimo mese e mezzo per ragioni di salute e per il rischio Cornonavirus sono stati in totale 376, molti in regime di alta sorveglianza

"C'è stato un alleggerimento della situazione carceraria che ci sarebbe dovuto essere comunque e che è stato accelerato dall'emergenza sanitaria".

 

Sono piovute critiche sui magistrati di sorveglianza che hanno detto sì al differimento della pena mandando i detenuti ai domiciliari o in strutture per curarsi. Mi pare di capire che le consideri inopportune

"Sono giudici e sono liberi. Devono essere messi nelle condizioni di giudicare senza pressioni. Servirebbe altro per risolvere i problemi".

 

Cosa?

"È inutile che parliamo di riforma della giustizia, anzi è proprio inutile sperarlo. Ogni volta che si parla di depenalizzare i reati questi al contrario crescono. E non serve neanche costruire nuove carceri. Una legge non scritta dice che più ce ne sono e più si riempiono".

 

Non resta che rassegnarsi?

"No, serve una riforma carceraria che guardi davvero all'efficienza. Penso alla costruzione di centri clinici ospedalieri dove curare i detenuti partendo dal presupposto che ognuno ha il diritto di essere curato e di morire a casa propria".

 

Ma l'Italia è anche il paese dove Bernardo Provenzano e Totò Riina sono rimasti detenuti fino all'ultimo respiro

"Forse è difficile scrollarsi di dosso questi precedenti. Alcuni mafiosi sono decrepiti e incapaci di riorganizzare e addirittura di muoversi. Lasciare in carcere persone in queste condizioni non dico che sarebbe un delitto, ma di sicuro è inumano. Si torna alla barbarie".

 

Come spesso accade quando infuria la polemica su certi temi spunta qualcuno che dice "Falcone e Borsellino non l'avrebbero fatto". Sanno esattamente come si sarebbero comportati.

"Non bisogna fare parlare i morti. Nelle circostanze attuali non so cosa avrebbero detto".

 

Posso chiederle cosa ne pensa dello scontro fra il ministro Alfonso Bonafede e il magistrato Antonino Di Matteo?

"Se è vero quello che dice Di Matteo Bonafede dovrebbe dimettersi. Se non è vero dovrebbe dimettersi Di Matteo perché la sua accusa è gravissima e circostanziata. Un ministro che si piega al diktat dei mafiosi sembra una riedizione scorretta della Trattativa. Stavolta sono i giustizialisti dei 5 Stelle che si sarebbero piegati. Non so chi ha ragione fra i due e non prendo posizione. Per me la parola dell'uno vale quanto quella dell'altro".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it