Martedì 22 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

"L'era legale", gratis sul web il docu-film sulla sconfitta del narcotraffico PDF Stampa
Condividi

Corriere del Mezzogiorno, 19 aprile 2020


Riecco "L'era legale", il docu-film di immaginazione di Enrico Caria, che narra di come, grazie alla legalizzazione delle droghe, le mafie siano finalmente sconfitte, arriva da oggi per la prima volta gratis sul web (https://instagram.com/patriziorispo?igshid=izfq9cnw88mf), con l'apporto mediatico solidale di Articolo 21 Campania. Un'anteprima simbolica che vuole denunciare come il proibizionismo renda esplosiva l'emergenza nelle carceri al tempo del coronavirus:

"Si calcola - spiega il regista - che almeno il 30% dei detenuti condannati o in attesa di giudizio (cioè tecnicamente innocenti) siano in prigione chi per qualche grammo in più di marijuana, chi per le droghe pesanti. Tossici. Persone malate da curare... mentre fuori c'è chi grazie al proibizionismo, si arricchisce in modo schifoso: i narco-trafficanti ricchi e potenti che in questo momento di crisi già provano a sostituirsi allo Stato prestando i loro soldi sporchi a strozzo e rilevando negozi e imprese in difficoltà".

"Di questi tempi -aggiunge Patrizio Rispo, protagonista del film con Cristina Donadio - le riflessioni sono tante e io ne vorrei condividere una con voi. Immaginate Napoli come una città sicura, moderna e non inquinata con un sindaco venuto dal basso che legalizza la droga tagliando così le gambe alla criminalità ed eliminando un problema sociale.

In un sol colpo si ridà voce e respiro alla parte genuina della città, sconfiggendo per sempre il narcotraffico e ridando valore al lavoro". "Era il 2011 - spiega la Donadio - e in questo film già si era immaginata una Napoli messa di fronte ad un bivio: affogare per sempre o rimanere a galla. Il mio personaggio, Idra Duarte, personifica queste due anime della città. Da una parte è una camorrista spietata, dall'altra, attraverso il dolore per la tragica morte del figlio, riesce a redimersi, fino ad aiutare Nicolino Amore a sconfiggere la malavita".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it