Martedì 22 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

"L'emergenza non sia una scusa per lasciar morire i migranti in mare" PDF Stampa
Condividi

Il Dubbio, 19 aprile 2020


L'appello agli Stati di Dunja Mijatović, Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa. "Nonostante le sfide senza precedenti che i paesi europei devono affrontare a causa del Covid-19, devono continuare a salvare vite in mare e far sbarcare i sopravvissuti in un porto sicuro". A dichiararlo è Dunja Mijatović, commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa.

Il commissario ha invitato gli Stati membri del Consiglio d'Europa a rispondere prontamente a qualsiasi richiesta di soccorso in mare, ad attuare tempestivamente le necessarie capacità di salvataggio e a cooperare efficacemente per identificare un luogo di sicurezza in cui i sopravvissuti possano essere sbarcati, prendendo tutte ke necessarie misure per proteggere la salute di tutti i soggetti coinvolti.

Come già sottolineato nella sua raccomandazione del giugno 2019, la riduzione delle operazioni di ricerca e salvataggio guidate dallo Stato, combinata con il ritiro dei paesi dalle loro responsabilità di salvataggio e l'adozione di misure restrittive che colpiscono le navi private che salvano le persone in pericolo in mare hanno comportato una mancanza di adeguate capacità di salvataggio e di un efficace coordinamento nel Mediterraneo centrale. Negli ultimi giorni, in risposta all'emergenza Covid-19, sono state adottate diverse misure e pratiche in Italia e Malta che hanno portato alla chiusura dei porti per le navi delle Ong che trasportavano migranti soccorsi e all'interruzione delle attività di co-organizzazione di operazioni di salvataggio e sbarco di persone in difficoltà. Ciò ha ulteriormente aggravato le lacune esistenti nelle operazioni Sar nel Mediterraneo centrale.

"Accogliere e assistere i soccorsi in mare, proteggendo allo stesso tempo la salute pubblica, è una grande sfida in questo momento difficile", si legge in una nota del commissario. Consapevole delle difficoltà affrontate dall'Italia e da Malta, Mijatović ha invitato tutti gli Stati membri del Consiglio d'Europa, compresi gli Stati di bandiera, a fornire un sostegno e un'assistenza efficaci nella ricerca di soluzioni rapide (comprese quelle temporanee, ove necessario) e per garantire che gli Stati costieri non sono lasciati ad affrontare questo da soli.

"La crisi Covid-19 non può giustificare l'abbandono consapevole delle persone lasciate ad annegare, lasciare i migranti salvati bloccati in mare per giorni o vederli effettivamente rientrati in Libia dove sono esposti a gravi violazioni dei diritti umani. La solidarietà europea e un'azione concreta per condividere la responsabilità e proteggere i diritti umani sono oggi più che mai essenziali - ha aggiunto il commissario -. In questo periodo di prova, ci viene ricordato il modo duro del valore della vita umana e la necessità di preservare il diritto alla vita, compresi quelli che, alla deriva in mare, sono lontani dagli occhi del pubblico".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it