Domenica 27 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

La prima cosa bella PDF Stampa
Condividi

di Gabriele Romagnoli


La Repubblica, 30 marzo 2020

 

I consigli per la quarantena di un ex detenuto, abituato, in molti anni di carcere, a lunghi periodi di isolamento. Me li ha mandati a puntate, per messaggio sul cellulare, ora che è libero e lontano, ma di nuovo chiuso in una stanza. Per lui è un'esperienza già provata e da cui ha tratto insegnamenti.

Questi:

1) Ricordati che mentre tu sei recluso, isolato, perfino fossi in infermeria, c'è chi altrove sta nel braccio della morte.

2) Non fare mai il conto alla rovescia, dimentica ogni possibile data di fine pena perché magistrati e destino possono giocare con te, trovare mille ragioni per spostare più avanti la tua liberazione.

3) Le giornate non devono sembrarti tutte uguali, devono essere tutte uguali. Ogni variazione può rendere difficile la seguente. Se leggi: lo stesso numero di pagine ogni giorno. Se fai ginnastica: gli stessi esercizi. Regola il sonno, regola tutto. Rendi la vita ipnotica come una lancetta che scorre.

4) Impara una qualunque cosa che non conoscevi.

5) Non ricordare e non fantasticare, vivi nel presente, anche se è fatto di poco o nulla.

6) Ricordati che non sei innocente, comunque.

7) La fede aiuta, ma o ce l'avevi prima o non vale.

8) Prova con la telepatia, ma con una sola persona.

9) Finirà e quando accadrà abbassa la testa, ringrazia e vai.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it