Venerdì 25 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Svizzera. Una prigione in disuso riaperta per isolare i detenuti infetti PDF Stampa
Condividi

di Giorgio Doninelli


tio.ch, 25 marzo 2020

 

L'ex carcere di Horgen sarà trasformato in una sorta d'infermeria. Il canton Zurigo ha deciso di utilizzare la prigione di Horgen - chiusa lo scorso dicembre - per trasferirvi i detenuti positivi al coronavirus che necessitano di cure. È prevista una collaborazione con altri cantoni. La prigione di Horgen sarà trasformata a titolo preventivo in una sorta di infermeria per i detenuti malati di Covid-19, ha fatto sapere l'ufficio cantonale per l'esecuzione delle pene, confermando una notizia della radio svizzero tedesca Srf1.

Ancora non si sa quanti letti disporrà il nuovo reparto nella prigione di Horgen. Ci si trova ancora in fase di pianificazione, affermano le autorità zurighesi. In linea di principio, i detenuti infetti vengono curati nei penitenziari dove stanno scontando la loro pena. Ad Horgen saranno trasferiti i detenuti che necessitano di cure più intensive. Non sono ancora disponibili dati sui detenuti contagiati nel canton Zurigo o in Svizzera. Ci sono "casi isolati", sia tra i detenuti che tra i dipendenti, ha risposto a precisa domanda la Conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia (Cdcgp). Per non mettere in pericolo la sicurezza e l'ordine nelle prigioni, la Cdcgp non fornisce alcun dettaglio e si limita a dire che al momento non sono note "concentrazioni rilevanti". In tutte le carceri colpite, la cura e il trattamento delle persone contagiate sono garantiti.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it