Sabato 28 Marzo 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Bergamo. Detenuti e poliziotti penitenziari ricordano don Resmini PDF Stampa
Condividi

di Gianni Parlatore


gnewsonline.it, 24 marzo 2020

 

"Il sabato sera andavo con lui alla stazione per dare un pasto caldo ai senza tetto. Cercavo di aiutare altre persone in difficoltà così come lui aveva aiutato me. Quando è arrivata la brutta notizia questa mattina non riuscivo a credere che fosse vero. Sapevo del suo ricovero e ho pregato tanto per lui così come lui aveva fatto tante volte per me. Fatico ancora a credere all'idea di non incontrarlo più qui in sezione, nei corridoi, ma spero di aver appreso da lui il fatto di apprezzare le cose semplici, le piccole cose della vita".

È la testimonianza di uno dei tanti detenuti del carcere di Bergamo che oggi hanno voluto ricordare la figura di don Fausto Resmini, storico cappellano della struttura di reclusione lombarda. L'uomo si è spento stamane all'età di 67 anni dopo che era stato ricoverato all'ospedale di Como a causa delle complicanze causate dal Coronavirus. Non un semplice cappellano, ma una vera guida spirituale e morale, un riferimento costante per i detenuti. "Mi spiace oggi di non aver mai avuto la possibilità di ringraziarti - ha scandito un altro detenuto a Bergamo - per tutto quello che hai fatto per me e anche per tanti altri come i ragazzi della tua comunità. Pensavo che ci sarebbe sempre stato il tempo per farlo. Questo è l'errore che facciamo sempre: pensiamo di avere sempre tempo. Invece a un certo punto non ce n'è più. E con te è accaduto davvero troppo in fretta".

Don Resmini, per più di 30 anni cappellano del carcere della città, si trovava in quarantena dal 5 marzo, dopo essere risultato positivo al Covid-19. Le sue condizioni si erano aggravate e si era reso necessario il ricovero all'ospedale Gavazzeni di Bergamo. Dopo qualche giorno di ricovero il suo fisico sembrava essersi ripreso ma, invece, successivamente si è aggravato nuovamente tanto da essere trasferito nel reparto di terapia intensiva del nosocomio Sant'Anna di Como.

Un saluto carico di emozione e riconoscenza è arrivato anche dagli agenti del Corpo della Polizia Penitenziaria in servizio nell'istituto di pena di Bergamo: "Caro Don Fausto, per gli anni che hai dedicato a questo istituto penitenziario, per noi sei sempre stato un punto di riferimento: nel quotidiano, nell'emergenza, nei momenti di lutto e di buio, nei momenti di festa e di gioia. Con queste poche righe vogliamo salutarti stringendoti nei nostri cuori, con la consapevolezza che da lassù saprai guidare i nostri passi e continuerai a pregare per noi e le nostre famiglie".

Bergamo perde così un parroco da sempre vicino ai più deboli e bisognosi. "Oggi è più difficile andare avanti ma lotteremo anche per lui", ha dichiarato Teresa Mazzotta, direttrice dell'istituto penitenziario bergamasco.

 

 

 

 

07


06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it