Giovedì 01 Ottobre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Castrovillari (Cs). "Rispetta la Legge, ne vale la Pena", studenti e docenti visitano le carceri PDF Stampa
Condividi

calabriadirettanews.com, 6 marzo 2020


Con la visita degli studenti degli istituti d'istruzione superiore di Trebisacce alla Casa Circondariale "R. Sisca" di Castrovillari, si è compiuta, giorno 19 febbraio, la seconda e conclusiva parte del progetto "Rispetta la Legge, ne vale la Pena", promosso dall'Amministrazione comunale di Trebisacce ed ideato dall'Assessore all'Istruzione Roberta Romanelli.

Dopo l'incontro tenutosi a Trebisacce, durante il quale gli studenti dell'Iti Ipsia Aletti, dell'ITC G. Filangieri, e del Liceo G. Galilei, hanno incontrato alcuni detenuti della Casa Circondariale "R. Sisca", confrontandosi con loro sulle dinamiche che li hanno condotti a scontare la propria pena nella realtà detentiva di Castrovillari, nella seconda parte del progetto i ruoli si sono invertiti.

Sono stati infatti gli studenti, accompagnati dai docenti e dall'Ass. Romanelli a visitare la Casa Circondariale "R. Sisca", per capire la vita all'interno del carcere.

Un'esperienza formativa intensa, che ha suscito nei giovani studenti forti emozioni e una presa di coscienza sulle conseguenze del proprio agire. L'idea progettuale, che è dunque risultata vincente, attraverso un'azione che mira a rafforzare il concetto di rispetto della legalità si è posta quale obiettivo principale quello di promuovere tra gli adolescenti la cultura della legalità, del rispetto delle regole e del senso di responsabilità verso sé stessi e verso i cittadini.

"É stata davvero un'esperienza intensa dalla quale è nata un costruttivo confronto - ha dichiarato l'Assessore Romanelli - L'obiettivo era quello di far toccare con mano ai ragazzi le reali conseguenze degli errori, in cui tutti possiamo incorrere. Ho visto gli alunni insegnare ai detenuti e i detenuti insegnare agli alunni. Uno scambio di esperienze che ha lasciato l'entusiasmo negli occhi di tutti. Nessuno era lì per giudicare: c'era solo voglia di imparare. Il carcere è un luogo triste, ma leggere negli occhi di quei ragazzi la voglia di cambiare e la consapevolezza di aver sbagliato e di dover rimediare ha lasciato in tutti un gusto meno amaro.

Un sentito ringraziamento voglio rivolgerlo Al Dott. Giuseppe Carrà, Direttore Penitenziario Casa Circondariale R. Sisca, al Dott. Carmine Di Giacomo, Comandante di Reparto Polizia Penitenziaria Casa Circondariale, alla Dott.ssa Maria Pia Barbaro, Responsabile Area Trattamentale Casa Circondariale che hanno permesso, con professionalità, la realizzazione dell'iniziativa. Allo stesso tempo non posso che ringraziare chi sempre coglie le sollecitazioni che indirizziamo loro, cioè le scuole di Trebisacce, con i loro dirigenti, gli insegnanti e gli alunni tutti".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it