Domenica 27 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Palermo. Rischio coronavirus in carcere: "più misure alternative per i detenuti" PDF Stampa
Condividi

di Riccardo Lo Verso

 

livesicilia.it, 5 marzo 2020

 

L'avvocato Mario Bellavista scrive al capo dello Stato in polemica con l'Ordine di Palermo. È in aperta polemica con il direttivo dell'Ordine degli avvocati che l'avvocato Mario Bellavista ha deciso di scrivere direttamente al ministro della Giustizia, al premier Conte e al capo dello Stato Mattarella per chiedere "l'estensione delle misure alternative alla detenzione per prevenire e affrontare l'emergenza corona virus nelle carceri italiane".

"Avevo chiesto al mio ordine di condividere questa iniziativa, ma non ho avuto inspiegabilmente l'appoggio sperato - spiega il penalista e consigliere -. Forse il fatto di essere un consigliere di minoranza ha spinto i miei colleghi a rispondere più al logiche politiche che all'interesse di cittadini. Sì perché i detenuti sono cittadini che, in questo momento particolare, si trovano in una situazione ad alto rischio.

E allora, senza strumentalizzare richieste provocatorie di amnistia, si chiede che si decreti con urgenza l'estensione delle misure alternative alla detenzione in carcere quando le pene da scontare siano brevi e che vengano sospese le esecuzioni delle pene fino a cinque anni finché non verrà superata la emergenza corona virus. La estensione di misure alternative alla detenzione in carcere non vuol dire mettere in libertà dei condannati. Vuol dire garantire la loro salute ed eseguire la pena in luoghi e in modi diversi dalla detenzione in carcere".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it