Lunedì 18 Gennaio 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

L'Iran in quarantena rilascia 54mila detenuti PDF Stampa
Condividi

di Greta Marchesi

 

Il Dubbio, 5 marzo 2020

 

È stato liberato solo chi è risultato negativo al virus e la misura riguarda unicamente le condanne più lievi, sotto i 5 anni di carcere. Il coronavirus si è diffuso praticamente "in tutte le province dell'Iran", ha confermato il presidente Hassan Rohani.

Il capo della Repubblica Islamica, però, ha attaccato i. media stranieri, sostenendo che vogliono seminare il panico nel Paese con "fake news" sulla diffusione del coronavirus. "La Repubblica Islamica", ha detto Rohani in dichiarazioni riportate da Pres s Tv, ha chiesto al ministero della Sanità "piena trasparenza" e ha sollecitato la diffusione di informazioni alla popolazione. La misura è stata annunciata dal portavoce della magistratura, Gholamhossein Esmaili, il quale ha precisato che ai detenuti è stato concesso di uscire dal carcere dopo che erano risultati negativi al coronavirus.

La misura riguarda solamente le condanne più lievi, infatti Esmaili ha sottolineato che i prigionieri condannati a più di cinque anni di carcere non saranno rilasciati. Inoltre, per il secondo venerdì consecutivo le tradizionali preghiere del venerdì salteranno a Teheran e in molte città dell'Iran.

"Per questa settimana sono annullate le preghiere del venerdì nei capoluoghi di tutte le province", ha detto Mohammad Javad Haj Ali Akbari, responsabile dell'ufficio che gestisce le preghiere del venerdì. Infine, dopo vari rinvii, il governo iraniano ha dichiarato che le persone con sintomi evidenti che cercheranno di lasciare la città di Qom, principale focolaio dell'epidemia, saranno messe in quarantena.

La decisione segna un deciso cambio di passo delle misure adottate dal governo iraniano che in un primo aveva minimizzato gli effetti dei primi contagi per poi mutare radicalmente la propria posizione dopo che 23 esponenti del parlamento iraniano sono risultati positivi al virus e a seguito del decesso di uno dei consiglieri della guida suprema iraniana, Ali Khamenei.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it