Lunedì 28 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Bergamo. Cani da compagnia nel carcere PDF Stampa
Condividi

di Michele Andreucci


Il Giorno, 28 febbraio 2020

 

La sperimentazione del progetto "Interventi Assistiti con gli Animali". I cani da compagnia diventano cani da terapia. Accade nella casa circondariale di Bergamo, dove quattro animali saranno i protagonisti del progetto di ricerca di "Interventi Assistiti con gli Animali" (Iaa), una sorta di terapia che ha come obiettivo di aumentare la socialità dei detenuti portatori di disagio psicologico e con difficoltà di adattamento all'interno dell'istituto di pena, con conseguente difficoltà di socializzazione e interazione con gli altri detenuti e le guardie carcerarie.

I partecipanti saranno individuati dal referente del carcere e sottoposti ad alcuni test. L'intervento si articola in 14 incontri di 50-60 minuti, a cadenza settimanale, e coinvolgerà due gruppi per un totale di 18 partecipanti, quattro coadiutori e quattro cani.

I dati saranno raccolti in forma anonima. Il progetto sperimentale recepisce le linee guida nazionali per Interventi Assistiti con gli Animali, perché il detenuto impari ad adattarsi al carcere, a gestire la propria emotività e il proprio stress.

L'iniziativa sarà anche l'occasione, per i carcerati, di rielaborare il loro vissuto, servirà a smaltire i ricordi, anche i più duri. L'ipotesi della ricerca è che l'intervento si dimostri efficace nell'abbassare il livello di ansia e di stress, con ripercussioni positive sul benessere individuale del detenuto e del gruppo.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it