Sabato 26 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Giustizia, migranti e taglio parlamentari: Casaleggio detta la linea al Pd PDF Stampa
Condividi

di Angela Azzaro


Il Riformista, 20 gennaio 2020

 

Il giorno dopo il voto in commissione Giustizia contro la Legge Costa, che comunque sarà nuovamente votata in aula il 27 gennaio, la polemica, invece di affievolirsi, cresce all'interno della maggioranza di governo che scricchiola sempre di più. Da una parte Movimento Cinque stelle, Pd e Leu, dall'altra Italia viva che si è schierata con il centrodestra per impedire, in tutti i modi, che la riforma della prescrizione continui il suo cammino.

Chi ha tradito e chi no? Qui nasce la disputa. Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha accusato Matteo Renzi di "essersi isolato dalla maggioranza" ma per il leader di Italia viva non c'è nessuna rottura, "abbiamo solo difeso lo Stato di diritto". Lo scontro però è soprattutto con i vecchi amici del Pd. Il responsabile giustizia dei dem, Walter Verini, accusa: "Renzi bluffa. Italia viva ha votato con Salvini e con la destra per impedire l'avvio della riforma del processo penale che non si limita solamente alla riforma della prescrizione, ma punta a garantire il giusto processo".

Parole che non intimidiscono certo Renzi, che già in mattinata, con un post su facebook chiarisce la posizione del suo partito: "Guardiamo i fatti: c'era una legge sulla prescrizione voluta dal Pd e dal ministro Orlando. Poi sono arrivati i populisti giallo-verdi e con i voti leghisti e grillini hanno cambiato la legge eliminando la prescrizione e rendendo i cittadini imputati a vita. Un obbrobrio giuridico. Noi abbiamo votato per ripristinare la legge dei nostri Governi, cancellando le misure giustizialiste e populiste. Mi dispiace solo che il Pd abbia scelto di seguire i grillini anche su questo, andando purtroppo a rimorchio dei Cinque Stelle. Abbiamo fatto un governo insieme per mandare a casa Salvini, non per diventare grillini".

Se c'è una posizione che appare contraddittoria è quella dei dem, che su un terreno così delicato come la riforma della prescrizione hanno rinunciato a difendere, in linea con la Costituzione, il garantismo, a costo anche di andare contro le richieste e le battaglie dei penalisti. Ma non è l'unica questione su cui il Pd sembra andare dietro ai Cinque stelle, dai migranti al taglio dei parlamentari, l'agenda è quella che viene dettata da Casaleggio, mentre le bandiere del centrosinistra restano ben nascoste.

Proprio nella fase in cui i Cinque stelle appaiono più in crisi, con divisioni decisive tra i leader e con un calo di consensi difficile da prevedere fino a poco tempo fa, il Pd di Zingaretti ha deciso di stringere ancora più forte l'alleanza con il partito della piattaforma Rousseau. È la questione emersa dal "conclave" dem dei giorni scorsi, che ha creato anche più di un malumore in chi non ne vuole sentir parlare di stringersi in un abbraccio mortale con i populisti.

Zingaretti fin da subito ha scelto come strategia quella di allearsi con i Cinque stelle per provare a sottrarre loro consenso, ma il risultato ottenuto finora è opposto: il Pd è l'ancora di salvataggio per un movimento che invece sta attraversando la fase più difficile da quando è nato. Zingaretti e con lui Franceschini, tra i più accaniti sostenitori dell'alleanza con Di Maio, rischiano di sacrificare la propria identità per calcoli che appaiono politicisti.

Le settimane a venire saranno decisive per la tenuta del governo. Matteo Salvini lo ha detto: se vince in Emilia Romagna chiede immediatamente la testa del premier Conte. Ma c'è una partita più grande che da più di un anno si gioca nella politica e nella società italiana (e non solo): lo scontro tra populisti e anti populisti. Votando la riforma Bonafede il Pd ha scelto di stare con i populisti: difficile poi correggere il tiro. Ora la partita si sposta in aula dove Italia viva potrebbe rivotare a favore della Legge Costa con un clamore ancora maggiore della scelta fatta nei giorni scorsi. Lucia Annibali, rappresentante di Italia viva in commissione Giustizia, ha ribadito: "Noi votiamo nel merito come sempre.

Stupisce piuttosto chi cede su principi costituzionali in nome di future alleanze". E sul fatto di aver votato con Lega e Forza Italia, risponde: "Vorrei ricordare che la riforma Bonafede è stata fatta durante il governo gialloverde da M5s e Lega. Noi vogliamo tornare alla riforma Orlando". Da Italia viva si getta acqua sul fuoco di una possibile crisi di governo. Lo stesso Renzi lo ha ribadito in tutte le occasioni. Ma la questione resta seria, serissima e, indipendentemente dal voto, sarà uno dei punti su cui far chiarezza per il futuro. Davvero i dem sono disposti a sacrificare l'alleanza con i renziani per andare con Di Maio e Di Battista?

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it