Sabato 08 Agosto 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Da Hugo Micheron una lettura non banale del jihadismo PDF Stampa
Condividi

di Stefano Montefiori

 

Corriere della Sera, 16 gennaio 2020

 

Lo studioso contesta il "negazionismo" di chi pensa che l'Islam non avrebbe niente a che fare con gli attentati in Europa, esressione di disagio sociale o esistenziale. Uno dei libri del momento in Francia è il voluminoso saggio di Hugo Micheron sul "Jihadismo francese: quartieri, Siria, prigioni", pubblicato da Gallimard con la prefazione di Gilles Kepel. Micheron, 31 anni, ricercatore all'École normale supérieure e docente a Sciences Po, per cinque anni ha indagato nelle periferie e nelle altre zone a forte penetrazione islamista, ha viaggiato in Siria e ha intervistato 80 jihadisti detenuti nelle carceri francesi. Il risultato è una descrizione molto argomentata e poco ideologica dell'universo "salafo-jihadista".

Già questa espressione rivela le conclusioni dell'indagine di Micheron: il salafismo (il ritorno a un islam ortodosso, basato sull'osservanza rigida dei precetti del Corano) e il jihadismo sono secondo lui fenomeni correlati, gli attentati terroristici islamici sono quasi sempre il passaggio all'atto di persone che da tempo avevano abbracciato una visione salafita dell'islam, simile a quella del wahabismo saudita.

Quella di Micheron non è una visione banale in Francia, dove la stagione degli attentati islamici del 2015 ha prodotto una serie di teorie da lui definite "negazioniste": l'islam non avrebbe niente a che fare con la jihad europea, il terrorismo islamico sarebbe una espressione di disagio esistenziale o sociale, i terroristi sarebbero solo degli emarginati, oppure semplicemente squilibrati che non sanno quello che fanno. Alcuni esperti in Francia hanno sostenuto che il salafismo con le sue pretese - dalla sottomissione quotidiana della donna agli orari separati per uomini e donne nelle piscine - fosse sì un problema per la convivenza civile, ma senza relazione con gli attentati. Micheron invece sostiene che il presente e purtroppo anche il futuro del terrorismo in Europa non si fonda sull'esistenza o meno di uno Stato islamico in Siria o in Iraq, ma sulla presenza sul nostro territorio di "enclave", quartieri dove i salafiti vogliono vivere come nella Raqqa dell'Isis.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it