Sabato 18 Gennaio 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Human Rights Watch respinta da Hong Kong: un segnale negativo PDF Stampa
Condividi

di Guido Santevecchi


Corriere della Sera, 14 gennaio 2020

 

Kenneth Roth, direttore esecutivo di Human Rights Watch, è stato respinto dalle autorità di frontiera all'aeroporto di Hong Kong. Il capo americano della organizzazione non governativa avrebbe dovuto presentare domani il rapporto annuale World Report 2020, sullo stato delle libertà in cento Paesi. In primo piano un dossier su quello che secondo i ricercatori della ong è "l'assalto cinese ai diritti umani". Il documento sarà diffuso oggi a New York.

Roth era stato diverse volte a Hong Kong, senza problemi, oggi si dice rattristato dalla svolta. L'ultima visita nel 21918 quando presentò un rapporto sulle discriminazioni nel mercato del lavoro cinese. Ma allora Hong Kong era ancora calma, ora è sprofondata da sette mesi in una crisi politica e sociale di rigetto della crescente omologazione e subordinazione alla politica dettata dal Partito-Stato di Pechino.

All'aeroporto della City i funzionari hanno detto solo che c'erano "problemi di immigrazione". A Pechino il portavoce degli Esteri è stato meno diplomatico: "E nella scelta discrezionale della Cina sovrana consentire o negare l'ingresso a un individuo nel suo territorio", ha detto il rigoroso Geng Shuang.

Tecnicamente ha ragione, perché Hong Kong fa parte della Cina, anche se è una "regione ad amministrazione speciale" fino al 21947, in base agli accordi sulla restituzione dell'ex colonia da parte britannica nel 1997. Fino agli ultimi mesi però Hong Kong era anche stata un'isola di liberalismo politico. Oggi l'impalcatura si sta sgretolando.

Ora nemmeno nella Hong Kong retta dal principio "Un Paese due sistemi" chi è sgradito al governo di Pechino può muoversi tranquillamente: la polizia ha usato lacrimogeni e pallottole di gomma anche contro i reporter che in strada seguivano gli eventi da giugno. Il sistema ormai è lo stesso: porte chiuse a chi critica o si oppone. Pechino ordina e le autorità del territorio speciale eseguono.

 

 

 

 

06


06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it