Domenica 27 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Mattarella, il discorso di fine anno: "È il momento di ritrovare fiducia, l'Italia vera è altruista" PDF Stampa
Condividi

di Silvia Morosi

 

Corriere della Sera, 1 gennaio 2020

 

Nel discorso il capo dello Stato cita i vigili del fuoco morti ad Alessandria, il sindaco di Rocca di Papa deceduto da eroe e l'astronauta Parmitano che vede l'Italia dallo spazio. E rivolge un pensiero ai giovani, al clima e al senso del dovere.

Quello che si chiude è "un decennio impegnativo", contrassegnato da una lunga crisi economica e da mutamenti "tanto veloci quanto impetuosi". Con queste parole il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è rivolto agli italiani per il tradizionale discorso di fine anno, parlando dalla Sala dei Tofanelli, senza scrivanie tra lui e la telecamera (qui il discorso integrale). Il Capo dello Stato ha ricordato i passi avanti compiuti nel 2019, richiamando alla coesione nazionale e invitando a frenare - in nome dell'interesse nazionale - lo scontro tra le parti politiche, a tutti i livelli. Mattarella ha invitato, quindi, a osservare il Paese dal di fuori, "come ci vedono dall'estero", richiamando l'immagine dell'Italia vista dallo spazio donatagli da Julie Payette, astronauta oggi al vertice di un Paese amico come il Canada. Un Paese, il nostro, "proteso nel Mediterraneo e posto, per geografia e per storia, come uno dei punti di incontro dell'Europa con civiltà e culture di altri continenti". Una condizione che ha contribuito a costruire la nostra identità, "sinonimo di sapienza, genio, armonia, umanità", parole che richiamano le celebrazioni di Leonardo da Vinci organizzate nel 2019 e quelle di Raffaello e Dante che si terranno nel 2020. Un'occasione per ampliare l'orizzonte delle riflessioni, "senza, naturalmente, trascurare il presente e i suoi problemi" (qui il commento di Marzio Breda).

"Più fiducia verso l'Italia" - Nelle parole del Presidente è risuonata forte la necessità di unire gli sforzi per consentire "a un'ancora troppo vasta area del Paese di uscire dallo stato di bisogno in cui versa", nonostante le misure adottate per farvi fronte e la solidarietà. "Abbiamo ampie possibilità per affrontare e risolvere questi problemi - ha aggiunto Mattarella -. E per svolgere inoltre un ruolo incisivo nella nostra Europa e nella intera comunità internazionale. L'Italia riscuote fiducia. Quella stessa fiducia con cui si guarda, da fuori, verso il nostro Paese deve indurci ad averne di più in noi stessi, per dar corpo alla speranza di un futuro migliore".

"Fiducia nei giovani" - Nel discorso non sono, poi, mancati riferimenti alla vita "reale" e alle emergenze che hanno toccato il Paese nell'anno passato: un pensiero è andato alle popolazioni delle città minacciate, come Venezia, dei territori colpiti dai sismi o dalle alluvioni, delle aree inquinate, perché "il tema della tutela dell'ambiente è fondamentale per il nostro Paese. I giovani l'hanno capito. E fanno sentire la loro voce proiettati, come sono, verso il futuro e senza nostalgia del passato". Ogni società - ha sottolineato il Capo dello Stato - "ha sempre bisogno dei giovani. Se possibile ancor di più oggi che la durata della vita è cresciuta e gli equilibri demografici si sono spostati verso l'età più avanzata". A loro, quindi, va data fiducia, "anche per evitare l'esodo verso l'estero. Diamo loro occasioni di lavoro correttamente retribuito. Favoriamo il formarsi di nuove famiglie". Il Presidente ha poi ringraziato i giovani della Locanda del Terzo Settore, un'associazione di ragazzi disabili per avergli donato per Natale una sedia, con questa scritta: "Quando perdiamo il diritto di essere differenti, perdiamo il privilegio di essere liberi".

Un pensiero per i Vigili del Fuoco - Un ricordo è andato ai tre Vigili del Fuoco vittime dell'esplosione di una cascina di Alessandria, provocata per truffare l'assicurazione. Un evento che offre agli italiani due diverse immagini che si confrontano: "L'una nobile, l'altra che non voglio neppure definire. Ma l'Italia vera è una sola: è quella dell'altruismo e del dovere. L'altra non appartiene alla nostra storia e al sentimento profondo della nostra gente. Quella autentica è l'Italia del Sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini. Nell'incendio del suo municipio ha atteso che si mettessero in salvo tutti i dipendenti, uscendone per ultimo".

"Grazie al Papa e a Parmitano" - Il ringraziamento finale è stato rivolto a Matera, Capitale della cultura europea, e a Parma che ne eredita il testimone; a Papa Francesco, che esercita il suo magistero "con saggezza e coraggio e che mostra ogni giorno di amare il nostro Paese"; alle donne e agli uomini delle Forze Armate e delle Forze dell'Ordine; a Luca Parmitano, il primo astronauta italiano al comando della stazione spaziale internazionale. "Da lassù - ha concluso - avverte quanto appaiano incomprensibili e dissennate le inimicizie, le contrapposizioni e le violenze in un pianeta sempre più piccolo e raccolto. E mi ha trasmesso un messaggio che faccio mio: la speranza consiste nella possibilità di avere sempre qualcosa da raggiungere. È questo l'augurio che rivolgo a tutti voi".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it