Mercoledì 26 Gennaio 2022
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Giustizia: Csm; bene modifiche ddl detenzione domiciliare, ma basta interventi d’emergenza PDF Stampa
Condividi
Apcom, 25 maggio 2010

La VI commissione del Csm plaude alle modifiche apportate al cosiddetto ddl svuota-careceri, quello cioè che prevede la detenzione domiciliare per chi deve scontare una pena inferiore a un anno, ma ora basta con gli interventi dettati dall’emergenza. Secondo i consiglieri di palazzo dei Marescialli, che hanno licenziato questa mattina all’unanimità il parere sul ddl, inviandolo per l’approvazione definitiva al plenum, è ormai “indifferibile una riforma organica” del sistema carcerario e delle pene, riforma “in grado di ridare al sistema penitenziario e prima ancora al sistema sanzionatorio una coerenza e un’armonia complessiva”.
Il Csm ritiene infatti che, grazie ai cambiamenti introdotti, il ddl ora “superi alcune delle criticità presenti nel testo originario”. Particolare apprezzamento per “l’evidente volontà del legislatore di intervenire solo in via transitoria, riservando a un intervento legislativo di più ampio respiro una nuova disciplina sulle misure alternative alla detenzione”. Una strada obbligata, quella della riforma organica, perché “se il carcere rappresenta l’unica risposta che l’ordinamento è in grado di offrire al problema della illegalità e della devianza” è inevitabile “l’incremento progressivo della popolazione detenuta”.
 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it