Giovedì 21 Novembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Si può andare in carcere per il canto di un gallo PDF Stampa
Condividi

di Giulio Benedetti


Il Sole 24 Ore, 15 ottobre 2019

 

Corte di Cassazione - Sentenza. 41601/2019. Il condomino è responsabile penalmente dei canti dei suoi galli. È il caso trattato dalla Corte di Cassazione (sent. 41601/2019) che ha dichiarato inammissibile il ricorso di un condomino contro la sentenza di condanna a 20 giorni di arresto per il reato di disturbo alle occupazioni ed al riposo dei vicini (articolo 659 del Codice penale). Il condomino custodiva, all'interno del condominio, tre galli e delle galline, i quali, lasciati liberi, in orario notturno, cantavano in continuazione. Va anche ricordato che l'articolo 1138 del Codice civile afferma che il regolamento condominiale non può vietare di possedere o detenere animali domestici ma non specifica la loro specie e tale indeterminatezza crea indubbi problemi nella convivenza quotidiana.

Il condomino non interveniva, nonostante le segnalazioni ricevute, e i canti disturbavano il riposo di un numero indeterminato di persone.

E ricorreva affermando che nessun accertamento tecnico era stato compiuto per stabilire il superamento della soglia di normale tollerabilità delle emissioni. La Cassazione respingeva le argomentazioni difensive in quanto il giudice aveva accertato che galli e galline, tenuti nel condomino, erano soliti cantare di giorno e di notte, nonostante le proteste degli altri condòmini e i richiami formali dell'amministratore, tanto che per il fastidio una condomina era costretta a cambiare casa.

Il tecnico dell'Arpa accertava che i tre galli, rinchiusi in una baracca, cantavano per cinque o sei minuti a intervalli di 20-30 minuti e venivano calcolati in 18 minuti ben 106 eventi sonori, percepibili dalla strada, con una frequenza di dieci secondo uno dall'altro. Inoltre i galli rispondevano ai richiami dei loro consimili presenti all'interno di un'abitazione vicina, e tale situazione amplificava, di notte, i rumori ed i disagi degli altri condòmini. La condotta dell'imputato, che non impediva gli strepiti, integrava la contravvenzione sotto il profilo oggettivo ed è inquadrabile più nel dolo eventuale che in quello della colpa.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it