Lunedì 21 Ottobre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Roma. "Fuori le ali" porta l'Altro Sguardo del Cinema nelle scuole e nei luoghi del disagio PDF Stampa
Condividi

La Repubblica, 12 ottobre 2019


Una serie di film con l'obiettivo di coinvolgere i giovani nel racconto del rapporto tra società e legalità: violenza sulla donna, l'adolescenza, i genitori, la libertà, l'ergastolo, la marginalità. Fuori le Ali, in collaborazione con la Scuola d'Arte cinematografica "Gian Maria Volonté", l'Associazione Culturale "Boncompagni 22", il Liceo Scientifico Statale "Augusto Righi" e con il sostegno del Mibac, presenta la rassegna Cinematografica (con un ciclo di tavole rotonde) "Un Altro Sguardo": dall'11 ottobre 2019 al 7 febbraio 2020 per due venerdì al mese (ore 15.00-19.00, Liceo Righi, sede di Via Boncompagni 22, Roma; l'ultimo appuntamento sarà alla Casa del cinema.

Le proiezioni dei film saranno destinate al solo pubblico studentesco, mentre le tavole rotonde a tema (che dai film prenderanno spunto) sono aperte al pubblico e gratuite. L'iniziativa, che rientra nel piano "Buone Pratiche per la Scuola", intende essere per gli studenti oltre che un arricchimento culturale, un'occasione di utilità pratica, permettendo ai partecipanti di usufruire dei crediti previsti per i Percorsi per le Competenze Trasversali e l'Orientamento (Pcto).

Il cinema e i suoi mestieri nel disagio sociale. L'Associazione Culturale Fuori Le Ali, che unisce cineasti, personalità impegnate nella lotta alle disuguaglianze e alle ingiustizie, intellettuali italiani e professionisti dello spettacolo ha come obiettivo portare il cinema e i suoi mestieri nei luoghi del disagio sociale, fisico, psicologico, dove diritti civili e dignità personali sono negati o limitati: un cinema non inteso come privilegiata industria e "fabbrica dei sogni", ma come modello di cooperazione attiva e strumento artistico e culturale di creazione di coscienza.

L'inizio di un lungo percorso. Nata nell'ottobre 2017, Fuori le Ali incomincia il suo percorso nell'Istituto Penitenziario Minorile di Airola (Bn) nella primavera 2018 - come unico partner del progetto Il Palcoscenico della Legalità, tenuto dal rapper Luca "Lucariello" Caiazzo dell'Associazione TheCo2 - che prosegue nell'Ipm di Roma di Casal del Marmo tra giugno e luglio 2018 con il progetto Fare Cinema, portando le maestranze e i professionisti del cinema tra i ragazzi del carcere con incontri settimanali dedicati alle molteplici professioni, prendendo spunto dalla visione comune dei film realizzati da registi, attori, scenografi, montatori.

Per il suo impegno nelle carceri, Fuori le Ali ha ricevuto nel novembre 2018 il premio "Nella Memoria di Giovanni Paolo II", iniziativa promossa con il sostegno del Ministero della Giustizia (Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità) e il patrocinio del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, la Fondazione Ente dello Spettacolo e la Fondazione Giovanni Paolo II.

Il coinvolgimento delle nuove generazioni. Presente e solidale in cause sociali come quella portata avanti dalla "Casa Internazionale delle Donne", fino a giungere alla recente premiazione insieme ad Amnesty International dell'Associazione Davide Bifolco - Il dolore non ci ferma Onlus lo scorso 29 settembre al Rione Traiano di Napoli in occasione della proiezione del film Selfie di Agostino Ferrente, Fuori le Ali sarà ora impegnata in una rassegna cinematografica con tavole rotonde a tema che si terrà presso il Liceo Scientifico Statale "A. Righi" di Roma, dal titolo "Un Altro Sguardo". Una serie di film con l'obiettivo di coinvolgere le nuove generazioni con la capacità del cinema di raccontare il rapporto tra società e legalità, che toccherà i temi del disagio sociale, la violenza sulla donna, l'adolescenza e i rapporti con i genitori, la delinquenza, la marginalità.

Gli argomenti scottanti con gli occhi del Cinema. Gli argomenti più scottanti della contemporaneità visti attraverso gli occhi del cinema, dei suoi interpreti, ma anche di intellettuali, magistrati, artisti, che parteciperanno alle tavole rotonde aperte al pubblico e moderate dal responsabile della comunicazione di Fuori le Ali Serafino Murri: testimonianze di interpreti dei film, intellettuali, scrittori, magistrati e psicologi, per mettere a fuoco nella loro complessità e nella loro urgenza tutti i luoghi oscuri del nostro tempo, quelle zone grigie dove il confine tra la normalità e il perdersi sfuma in situazioni di inquietudine, disagio e crimine. Le proiezioni dei film saranno destinate al solo pubblico studentesco, mentre le tavole rotonde a tema (che dai film prenderanno spunto) sono aperte al pubblico e gratuite.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it