Lunedì 21 Ottobre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Roma. Teatro: il dramma di Gulotta, innocente e scagionato dopo 22 anni di carcere PDF Stampa
Condividi

Corriere della Sera, 11 ottobre 2019


L'appuntamento con lo spettacolo "Come un granello di sabbia" è per l'11 ottobre al Teatro India. A sostenere la rappresentazione la camera penale di Roma. Nel gennaio del 1976, Giuseppe Gulotta, diciottenne muratore siciliano, viene arrestato per l'omicidio di due carabinieri della stazione di Alcamo Marina. Costretto a confessare sotto tortura, viene condannato all'ergastolo, pur continuando a professarsi innocente. Dopo 22 anni di galera e dieci tentativi di revisione, nel marzo del 2012, viene definitivamente scagionato da tutte le accuse: finisce così finalmente un lunghissimo calvario.

Il dramma di un uomo difronte alla devianza del sistema - Lo spettacolo "Come un granello di sabbia", in scena l'11 ottobre al Teatro India, evoca in modo potente e simbolico il dramma di un uomo difronte alla devianza del sistema: un uomo appunto, come un granello di sabbia in un ingranaggio infernale. E rimette al centro il tema della imprescindibilità delle garanzie del giusto processo ed i rischi drammatici che discendono dal non rispettarle.

Il sostegno della camera penale di Roma - La camera penale di Roma, da sempre in prima linea nella battaglia per i diritti del cittadino in ogni fase del procedimento penale, ha deciso di promuovere e sostenere questa rappresentazione teatrale, per la prima volta nella Capitale, per sensibilizzare la collettività su un tema così importante, ancor più in tempi di giustizialismo e populismo penale.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it