Lunedì 21 Ottobre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Riforma del processo penale. Il Pd insiste: modifica alla prescrizione PDF Stampa
Condividi

di Giovanni Negri

 

Il Sole 24 Ore, 10 ottobre 2019

 

I dem propongono una sospensione a tempo dopo il primo grado: 4 o 5 anni Oggi nuovo round sulla giustizia tra Pd e M5s in vista del vertice definitivo tra tutti i partiti della maggioranza prima della presentazione in Cdm da parte del Guardasigilli Alfonso Bonafede dei due Ddl, uno per il processo penale e l'elezione del Csm e l'altro per il processo civile.

Il nodo della prescrizione resta in primo piano: da una parte il M5s che difende la riforma della prescrizione che entrerà in vigore dal primo gennaio 2020 (sospensione dopo il primo grado di giudizio), dall'altra il Pd - in questo d'accordo con i renziani di Italia viva - che insiste per una modifica in senso garantista prima di quella data. La proposta che il Pd sottoporrà al ministro (all'incontro di oggi saranno presenti tra gli altri il sottosegretario a Via Arenula Andrea Giorgis e la responsabile giustizia del Pd Roberta Pinotti) è una sorta di sospensione a termine da approvare con legge delega entro l'anno.

Ossia la sospensione scatterebbe sì dopo il primo grado di giudizio, ma se il processo non dovesse concludersi entro un congruo numero di anni ancora da stabilire (4 o 5) la prescrizione scatterebbe di nuovo. C'è accordo, invece, sullo spacchettamento della riforma Bonafede in due Ddl e sull'opportunità di coinvolgere durante l'iter le categorie interessate, avvocati e magistrati.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it