Lunedì 21 Ottobre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Iran. Nuovo rapporto su criminalizzazione dei difensori dei diritti umani PDF Stampa
Condividi

thedailycases.com, 26 agosto 2019


I difensori dei diritti umani in Iran, da lungo tempo nel mirino del governo, sono stati sottoposti a sistematiche molestie giudiziarie dalla fine del 2017. L'Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umani, un partenariato Fidh-Omct, fa luce su questa ondata di repressione che ha colpito noti attivisti come Nasrin Sotoudeh, Reza Khandan e Mohammad Najafi.

Il rapporto, intitolato "Indefensible: Iran's systematic criminalisation of human rights defenders", documenta come i difensori dei diritti umani, compresi gli avvocati per i diritti umani, sono stati frequentemente arrestati senza accuse, trattenuti in detenzione preventiva prolungata senza accesso alla rappresentanza legale di loro scelta, condannati a lunghe pene detentive per vaghe accuse a seguito di processi iniqui e incarcerati in cattive condizioni. Questo modello di criminalizzazione ha lo scopo di frenare le loro attività sui diritti umani e di minare i loro diritti alla libertà di espressione.

Il rapporto si basa sull'analisi di 28 singoli casi affrontati dall'Osservatorio nel 2018 e nella prima metà del 2019, tra cui noti attivisti e avvocati Nasrin Sotoudeh, Reza Khandan e Mohammad Najafi. Di questi casi, 15 sono difensori dei diritti delle donne e 13 avvocati per i diritti umani. Tredici di loro sono attualmente detenuti e 15 sono a rischio di re-arresto imminente.

"La Repubblica islamica dell'Iran è un regime ostile per i difensori dei diritti umani. Qualsiasi forma di dissenso da parte loro è sistematicamente criminalizzata e soggetta a dure rappresaglie da parte delle autorità. Il governo iraniano deve smettere di perseguitare i difensori e iniziare a prendere misure urgenti per proteggerli ", ha dichiarato il vicepresidente del FIDH Guissou Jahangiri.

Molti difensori dei diritti umani, sia uomini che donne, sono stati presi di mira per la loro difesa dei diritti delle donne e per il loro sostegno alle proteste contro le leggi obbligatorie sull'hijab. Nel frattempo, gli avvocati sono regolarmente presi di mira per la raccolta di casi relativi ai diritti umani e per la difesa di altri avvocati accusati di occuparsi di diritti umani. Gli avvocati per i diritti umani sono stati particolarmente colpevolizzati a causa delle loro critiche nei confronti della magistratura, a partire dal trattamento riservato ai propri clienti e colleghi avvocati da parte dei magistrati iraniani.

"L'Iran ha una lunga storia di criminalizzazione dei difensori dei diritti umani e li persegue con le cosiddette accuse di sicurezza nazionale. Lungi dall'essere un protettore dei diritti come richiesto dai trattati ratificati dall'Iran, la magistratura rimane sottomessa al Capo supremo e, come mostrato nel nostro rapporto, agisce come un boia volontario della repressione dei difensori dei diritti umani. Sono necessarie urgenti riforme per garantire il rispetto dello stato di diritto e l'integrità e l'indipendenza di giudici, avvocati e pubblici ministeri ", ha affermato il segretario generale dell'Omct Gerald Staberock.

In molti casi, ai difensori dei diritti umani che sono arrestati in base alle cosiddette accuse di sicurezza nazionale, viene negato l'accesso a un avvocato di loro scelta, in particolare durante il processo di indagine. Sono condannati a pene detentive severe - fino a 15 anni di carcere per una sola accusa - dopo processi iniqui condotti nei noti tribunali della Rivoluzione islamica dell'Iran. La maggior parte dei difensori dei diritti umani i cui casi sono dettagliati nel rapporto, sono detenuti nella famigerata prigione di Evin di Teheran, tristemente famosa per le sue gravi condizioni di sovraffollamento e antigieniche. Sono tenuti in isolamento per lunghi periodi di tempo, sono privati ??delle cure mediche essenziali e spesso vengono loro negate le visite dalle loro famiglie o dai loro avvocati.

Il rapporto indica una serie di raccomandazioni alle autorità iraniane, nonché alle parti interessate delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea. Esorta il governo iraniano a rilasciare immediatamente e incondizionatamente tutti i difensori dei diritti umani detenuti e a riconoscere il ruolo legittimo ed essenziale che svolgono nella società. L'Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umani (l'Osservatorio) è stato creato nel 1997 da Fidh e dall'Organizzazione mondiale contro la tortura (Omct). L'obiettivo di questo programma è di intervenire per prevenire o porre rimedio a situazioni di repressione contro i difensori dei diritti umani. Fidh e Omct sono entrambi membri di ProtectDefenders.eu, il meccanismo dei difensori dei diritti umani dell'Unione europea attuato dalla società civile internazionale.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it