Venerdì 06 Dicembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Frammenti di discorso antimafia. Rivoluzione? È lavorare con amore PDF Stampa
Condividi

di Nando Dalla Chiesa


Il Fatto Quotidiano, 22 luglio 2019

 

Una studentessa universitaria (e sua madre). E un capitano dei carabinieri. Estranei l'una all'altro, ma intrecciatisi nei miei pensieri questa settimana. Frammenti buoni dello stesso Paese. E vi spiego perché. La studentessa, prima di tutto. Si chiama Chiara. Ha frequentato lo scorso autunno un mio corso. Due pomeriggi a settimana.

La vedevo quasi sempre nelle prime file. Attenta, curiosa. A volte in certi passaggi delle lezioni gli occhi le si sgranavano, segno che quel che stavo dicendo le suggeriva questioni inaspettate o per le quali provava una particolare sensibilità. Superò l'esame orale con un voto d'eccezione: 30 e lode. Passò qualche settimana, il tempo delle vacanze di Natale, e giunse in ufficio chiedendo di fare la tesi di laurea con me. Gestione e comunicazione d'impresa: la interessava occuparsi della comunicazione delle aziende di ristorazione e in particolare della giovane catena Miscusi.

Una scelta, mi spiegò, derivante dallo studio personale e molto empirico che lei riservava da tempo ai locali che frequentava e ai nuovi stili di comunicazione della gastronomia. Gliela accettai; per il suo valore e perché la motivazione di partenza prometteva già da sé buoni risultati. Non tradì le aspettative, destreggiandosi benissimo tra teoria e ricerca.

Per mesi Chiara è arrivata al ricevimento studenti portandomi i capitoli via via scritti per sentire le mie osservazioni. Solare, disponibile ai cambiamenti, propositiva. A fine giugno ha sostenuto il colloquio di valutazione finale. Punteggio massimo. E relativi saluti: grazie professore, buona fortuna Chiara.

Passano due-tre settimane e ricevo, per ragioni del tutto diverse, una lettera da una mia collega, con cui ho spesso collaborato e con la quale stiamo progettando un seminario in spagnolo sulla criminalità organizzata in America latina. Non un'estranea, insomma. Dice così: "Altra cosa... avevi una studentessa laureanda di nome Chiara Primavesi, che si è laureata in Ces con il massimo del punteggio. È mia figlia e ti ringrazio per averla seguita". Resto di stucco. Dunque Chiara è la figlia di Marzia. E nessuna delle due me ne ha mai fatto cenno. I giovani, lo so benissimo, sono più restii a dare questo tipo di informazioni.

I migliori, quelli più gelosi della propria indipendenza, non amano vantare parentele di alcun tipo. Si farebbero sparare, piuttosto. Ma anche la madre non ha fatto un cenno. Nemmeno di quelli eleganti, del tipo "mia figlia sta frequentando il tuo corso, è entusiasta", a cui segue breve e affettuosa richiesta di informazioni. Ecco, se il cancro del Paese, il binomio mafia-corruzione, passa dalle raccomandazioni, abbiamo la prova provata che, anche fuori dall'antimafia, ci sono dei punti da cui non passa.

E qui entra in scena il capitano dei carabinieri. Diversamente da Chiara, non lo conosco, ma solo immagino. E che mi è piaciuto intravedere dietro la brillantissima operazione dell'Arma che ha portato a scoprire la trama di mafia che stava riportando dagli Stati Uniti a Palermo gli "scappati", i vecchi clan di Cosa nostra. Nomi di peso, i Gambino e gli Inzerillo, con una gran voglia di riconquistarsi Palermo e la Sicilia.

Non sarà sfuggito ai lettori il livello di professionalità delle indagini. I boss adiposi in costume e camicia che vengono filmati in mare sopra un gommone mentre discutono dei loro progetti e delle loro sorti (essi sperano) magnifiche e progressive. Ascoltati, videoregistrati nei luoghi che ritengono più inaccessibili. Viene spontaneo domandarsi quanto lavoro ci sia dietro quei pedinamenti, quante accortezze e intelligenza, quanta abilità e coraggio abbiano contribuito a quello straordinario successo tra le due sponde dell'Atlantico.

In genere il fulcro operativo di queste indagini sono un maresciallo e un capitano. Così penso per associazione mentale a quel capitano dell'Arma che collaborò decisivamente all'inchiesta "Infinito" (sfociata nei celebri arresti milanesi-brianzoli del 2010) dando al paese 800 ore di straordinario gratuite, e di cui non sapremo mai il nome.

Ecco perché, nonostante tutto, mi sento meglio. Una studentessa figlia di una collega e amica che per un anno non fa trasparire, come la madre, nulla sulla sua parentela, per essere certa di guadagnarsi col merito il massimo dei voti. Investigatori che lavorano senza sciatteria ma con più ingegno dei mafiosi, senza chiedersi chi me lo fa fare e nemmeno che ore sono. Ma che cosa ci vuole ad avere un'Italia così?

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it