Venerdì 15 Novembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Iraq. Oltre cinquantamila carcerati, molti non ci dovrebbero stare PDF Stampa
Condividi

di Maddalena Ingrao

 

agcnews.eu, 11 luglio 2019

 

All'ordine del giorno della politica irachena, nella sfera social media, è tornata nuovamente la corruzione. Secondo un gruppo di deputati, il Primo Ministro e il Parlamento sono responsabili della corruzione all'interno del ministero della Salute, il più grande caso di corruzione negli organi statali; inoltre il comitato di pianificazione parlamentare ha accusato il ministro delle Finanze Fuad Hussein di aver falsificato i dati di bilancio dell'economia irachena. Ad esempio, nella provincia di Karbala, alcune fonti social confermano la presenza di circa 7 mila malati di cancro che soffrono a causa della scarsità di medicine, causata proprio dalla corruzione nel sistema sanitario del paese.

Torna a far discutere la denuncia delle organizzazioni umanitarie sul sovraffollamento delle carceri. Secondo l'Alta Commissione per i diritti umani vi sarebbero 55mila prigionieri in Iraq. Per tale ragione la commissione ha avanzato delle proposte per alleggerire l'eccessivo affollamento nelle prigioni irachene, quali l'adozione di braccialetti elettronici e il pagamento dell'indennità per il rilascio di una certa classe di prigionieri. Fonti social locali hanno rivelato inoltre la presenza di almeno 800 donne con i loro figli, accusate di terrorismo e condannate a morte o all'ergastolo.

Il sovraffollamento nelle prigioni, soprattutto nella provincia di Ninive, sarebbe stato causato dalla somiglianza dei nomi e la presenza nella popolazione carceraria del governatorato di 70000 sembra a molti una esagerazione. Proseguono poi nel paese gli incendi: un incendio è divampato ad Al Zab nel Kirkuk, un altro nella base aerea di Spyker a nord di Tikrit, mentre un terzo incendio ha distrutto diversi negozi ad Al-Watan street a Bassora. La Protezione Civile ha annunciato di aver domato tre incendi in parti diverse di Baghdad.

A complicare le cose ci si è messo anche un evento sismico: un terremoto di magnitudo 5.7 della scala Richter ha colpito Bassora, Misan e Sharq al-Ahwaz. Fonti social locali hanno confermato il verificarsi di scosse di assestamento vicino ai confini di Bassora. Ulteriore conferma ufficiale è venuta da parte dell'Autorità generale per la meteorologia e il monitoraggio sismico in Iraq, che ha registrato 29 scosse di assestamento tra l'8 e il 9 luglio nella provincia di Bassora.

 

 

 

 

06


06

 

06

 

 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it