Martedì 17 Settembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Lucca: la Garante dei detenuti audita in commissione sociale PDF Stampa
Condividi

La Gazzetta di Lucca, 28 giugno 2019

 

La commissione sociale del comune di Lucca ha incontrato la Garante per i detenuti della Casa circondariale di Lucca, Alessandra Severi, che ha iniziato da un paio di mesi la sua attività - è scritto nella nota. Erano presenti altresì alla seduta di commissione alcuni operatori del volontariato in carcere oltre che l'assessore Lucia Del Chiaro e Aldo Intaschi, funzionario che si occupa delle faccende del carcere.

I rapporti fra carcere e amministrazione si sono fatti più stretti: si sono avuti vari incontri anche con il nuovo direttore e il suo staff per mettere a fuoco i problemi e mettere a punto sinergie e interventi non solo con l'amministrazione, ma anche con il volontariato che per altro sta operando e bene all'interno del carcere. In particolare la Caritas con i vari progetti attivi nei vari settori e il Gvc (gruppo volontari carcere) che opera sia all'interno che all'esterno offrendo inserimento dopo lo sconto della pena a coloro che non hanno dove andare".

"La garante - prosegue la nota - ha parlato della vita del carcere, della necessità di aumentare lo scambio con l'esterno perché il carcere non sia solo un momento punitivo e di recupero. E in questo senso ha sollecitato a creare nuove opportunità di lavoro sia per rendere autonomi economicamente i detenuti rispetto alle famiglie sia per occupare dignitosamente il tanto tempo a disposizione. Oggi ci sono vari laboratori: teatro, pittura, riparazione biciclette, lingua. C'è anche un corso tenuto dal Cpia che però ha bisogno di essere incentivato, in modo che la permanenza nel carcere possa essere utilizzata soprattutto per gli stranieri che sono circa la metà per imparare l'italiano.

Particolare interesse ha suscitato l'intervento di Piergiorgio Licheni, operatore del Gvc che la raccontato la sua lunga esperienza tra i detenuti sia in carcere che fuori nel centro di accoglienza San Francesco, e Giulia Mariani della Caritas che ha parlato dei vari corsi che vengono effettuati durante l'anno. Intaschi poi ha parlato del progetto che l'amministrazione sta realizzando in accordo col direttore del carcere per la risistemazione della pavimentazione del campo sportivo interno che oltre ad offrire ai detenuti un gradito spazio di gioco insieme alla palestra potrà essere uno spazio aperto per alcuni eventi anche alla città.

Alla conclusione, la dottoressa Severi ha riferito della prossima apertura del padiglione nuovo che verrà utilizzato per ampliare gli spazi dei laboratori e delle attività dei detenuti". "Come ha detto l'assessore Del Chiaro - conclude Ciardetti - si respira aria di rinnovamento, entusiasmo e volontà di migliorare insieme (carcere, amministrazione e volontariato) la qualità di vita dei detenuti e aiutare il carcere a essere un momento di reale recupero per un reinserimento nella vita civile, una volta scontata la pena.

 

 

 

 

06

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it