Mercoledì 26 Giugno 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Olbia (Ss): l'arte come ponte tra i detenuti e il territorio PDF Stampa
Condividi

La Nuova Sardegna, 13 giugno 2019

 

Questo è l'obiettivo della mostra che si terrà nello spazio Faber dal 17 al 22 giugno. Protagonisti i detenuti di Nuchis, autori di dipinti, sculture e opere di artigianato ispirate agli scatti di alcuni fotografi che attraverso le loro immagini hanno portato il mondo esterno all'interno del carcere. "Il varco nel muro" è il titolo della mostra nella quale saranno esposti sia i lavori dei carcerati che le foto dei fotografi.

"L'arte come ponte fra il dentro e il fuori - spiega Edy Baldino, garante dei diritti dei detenuti nel comune di Tempio che ha organizzato l'evento in collaborazione con l'area educativa del carcere di Nuchis e l'autorizzazione e supervisione della direzione penitenziaria.

Il progetto nasce dall'idea di utilizzare l'arte per creare un collegamento fra le persone detenute e il territorio circostante. I detenuti hanno potuto vedere fuori dalle sbarre attraverso gli occhi di fotografi locali, riproducendo, poi, ognuno secondo la propria sensibilità artistica, le immagini più significative del nostro territorio, tanto sotto l'aspetto paesaggistico quanto sotto quello antropologico. Come recita il titolo della mostra, l'arte diventa così un varco nel muro".

Direttore artistico è il fotografo di Tempio Massimo Masu. Hanno collaborato i fotografi Franco Pampiro, Antonello Naitana, Giuseppe Goddi. L'evento è patrocinano dal Comune, dai Lions di Tempio, e dalla coop "Il piccolo principe" di Tempio.

 

 

 

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it