Mercoledì 26 Giugno 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Sardegna: e-learning per detenuti, un'altra opportunità di studio in carcere PDF Stampa
Condividi

di Gianni Parlatore

 

gnewsonline.it, 12 giugno 2019

 

L'università on line entra nelle carceri e consentirà ai detenuti degli istituti sardi di Uta (Cagliari) e Massama (Oristano) di seguire quattro corsi di laurea erogati integralmente su piattaforma web. Si tratta di un'importante possibilità per le persone che stanno scontando la pena, così come avviene per gli studenti lavoratori o per quelli che preferiscono seguire i corsi universitari tramite la Rete. Il risultato è frutto della collaborazione tra Polo universitario penitenziario di Cagliari (istituito circa un anno fa), Conferenza dei Rettori e Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria per la Sardegna.

Per promuovere questa nuova opportunità di formazione culturale a disposizione dei detenuti il rettore dell'Università di Cagliari, Maria Del Zompo, ha tenuto una lezione nel carcere di Uta dinanzi a una trentina di detenuti dal titolo "Musica, emozioni e cervello".

Durante il suo intervento Del Zompo ha ribadito l'attenzione e l'impegno delle istituzioni formative del territorio nei confronti dello sforzo di rieducazione a beneficio delle persone che si trovano in stato di detenzione: "Siamo sensibili alla vostra situazione e grazie all'impegno dei nostri docenti e dell'amministrazione penitenziaria siamo riusciti ad organizzare un fitto calendario di seminari: l'inclusione è una delle parole chiave del nostro Piano strategico. Ricordatevi che il cervello stimolato nel modo corretto può darci sempre un aiuto".

Alla lezione inaugurale del programma di seminari hanno partecipato anche Alessandra Pelagatti, Procuratore della Repubblica di Cagliari, il magistrato del tribunale di sorveglianza, Ornella Anedda, il comandante del Corpo di Polizia Penitenziaria Andrea Lubello e un gruppo di studenti del corso di laurea magistrale in Psicologia dello Sviluppo e dei Processi Socio-lavorativi.

Il calendario di iniziative multidisciplinari offerto ai detenuti-studenti delle strutture di Uta e Massama proseguirà con un ciclo di seminari svolti dai docenti dell'ateneo del capoluogo sardo. Sono attualmente 24 gli atenei coinvolti a livello nazionale, con attività didattiche e formative già avviate in circa 50 istituti penitenziari e con 600 detenuti coinvolti nei programmi di apprendimento.

 

 

 

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it