Giovedì 27 Gennaio 2022
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

India: ergastolo per un noto attivista dei diritti umani accusato di eversione PDF Stampa
Condividi

Ansa, 4 gennaio 2011

 

Il 24 dicembre scorso, nel corso di una sessione del Tribunale di Raipur nello Stato Indiano di Chhattisgarh, il dottor Binayak Sen è stato giudicato colpevole di eversione e complotto. L’uomo, noto attivista a sostegno dei diritti civili, è stato condannato all’ergastolo con l’accusa di complicità con i ribelli maoisti. Il dottor Sen è pediatra e vice presidente dell’associazione Peoplès Union for Civil Liberties. La sua figura è molto popolare tra le comunità tribali di Chhattisgarh; è dal 1981 che il dottore si batte per l’estensione dell’assistenza sanitaria anche alle popolazioni tribali e rurali più povere. Il 14 maggio del 2007 era stato arrestato con l’accusa di fare da corriere tra Narayan Sanyal, leader dei naxaliti detenuto in carcere, e l’uomo d’affari Piyush Guha, anche lui accusato di complicità con i maoisti. Sen, che [per quell’accusa] ha trascorso in cella due anni, era stato rilasciato su cauzione nel 2009 in seguito a una decisione della Corte Suprema. Nel corso di quei due anni erano stati lanciati numerosi appelli per la sua liberazione, da Amnesty International, Noam Chomsky e molte altre figure di rilievo, tra le quali 22 vincitori del premio Nobel.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it