Sabato 08 Agosto 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Giustizia: dalla sentenza d'appello una verità "sbagliate le indagini" sulla morte di Stefano PDF Stampa
Condividi

di Beniamino Migliucci (Presidente dell'Unione Camere Penali)

 

Il Manifesto, 15 gennaio 2015

 

Le motivazioni della sentenza di appello che ha assolto tutti i dodici imputati, nel processo per la morte di Stefano Cucchi, rappresentano una conferma di quanto avevamo sempre sostenuto e di quanto, con grande dignità, avevano segnalato Ilaria Cucchi e la sua famiglia. Il problema era nelle indagini.

Quando non si conoscono gli atti di un procedimento non è corretto trarre delle conclusioni categoriche ma, grazie alle motivazioni della sentenza, è possibile svolgere alcune considerazioni di fondo.

La prima: Stefano Cucchi non è morto per il freddo. Scrivono i giudici di appello: "Le lesioni subite sono necessariamente collegate ad un'azione di percosse e comunque ad un'azione volontaria", il che come giustamente ha commentato il Presidente della Corte d'Appello di Roma Luciano Panzani, significa che "qualcuno lo ha picchiato o forse spinto ma non si è procurato le lesioni da solo". Quanto precede costituisce un primo elemento di ineludibile chiarezza, che non può essere trascurato nella ricerca della verità.

La seconda considerazione: in questi processi non è facile fare emergere la verità. Indagare sugli apparati dello Stato è, talvolta, complicato per atteggiamenti omertosi e per un malinteso senso di appartenenza a una Istituzione. Si rifiuta il controllo e la critica esterna per il timore di una delegittimazione della struttura alla quale si appartiene e perché ci si sente dalla parte del bene e della ragione nei confronti di chi è deviato e per questo non merita rispetto.

La terza: sforzo e tensione investigativi non sempre sono appropriati e adeguati per le ragioni indicate in precedenza.

La quarta: la dignità delle persone e i diritti dei più deboli non sempre vengono considerati quando si è sottoposti al controllo e alla custodia della pubblica autorità. Eppure, custodire significa sorvegliare e vigilare allo scopo di preservare l'essere umano nella sua dimensione fisica e psichica, ciò che uno Stato democratico dovrebbe sempre essere in grado di garantire.

La quinta: in questa vicenda è stata riaffermata l'importanza e l'imprescindibilità del giudizio di appello, che qualcuno vorrebbe eliminare. Si è assolto chi non aveva responsabilità certe e si è fornita indicazione per nuovi spunti di indagine. Il doppio giudizio di merito riduce la possibilità di errori e consente di avvicinarsi maggiormente alla verità.

Un'ultima riflessione merita la necessità di introdurre, in tempi brevi, il reato di tortura che deve essere però reato proprio, ovvero che possa essere commesso solo dal Pubblico Ufficiale o dall'Incaricato di Pubblico Servizio e che si concentri su di una condotta qualificata dall'esito della inflizione di una intenzionale sofferenza fisica o morale a chi venga privato della libertà personale. Tale prospettiva, lungi dall'intento di colpevolizzare, come taluno ritiene, in modo indiscriminato le forze di Polizia, ne esalterebbe l'autorevolezza quando ne venga correttamente esercitata la funzione.

L'Unione delle Camere Penali Italiane è in genere contraria alla ipertrofia legislativa e alla creazione di nuove norme penali, ma in questo caso, il reato di tortura rivelerebbe la consapevolezza da parte dello Stato che certi fatti avvengono e che non possono essere tollerati.

 

Ordine Medici Roma: su caso Cucchi ristabilita verità

 

"Quando il 31 ottobre scorso era stato reso noto il dispositivo della sentenza della Corte di Appello chiamata a riesaminare le responsabilità del decesso di Stefano Cucchi, l'Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri aveva sottolineato la necessità di attendere le motivazioni che, in tale pronuncia, avevano determinato l'assoluzione di tutti i soggetti chiamati a rispondere della morte del giovane: primi tra tutti i medici dell'Ospedale "Sandro Pertini". Motivazioni che ora hanno evidenziato come "L'attività di medici e infermieri su Stefano Cucchi non è stata di apparente cura del paziente ma di concreta attenzione nei suoi riguardi". Così in una nota l'Ordine dei Medici di Roma Omceo.

"Fin dall'inizio della vicenda - che ora vedrà nuove indagini per individuare i responsabili delle percosse evidentemente subite da Cucchi - l'Ordine aveva affermato, e più volte ribadito, la propria, salda, convinzione della totale estraneità del personale sanitario nelle cause che portarono alla morte del giovane nella sua situazione di detenuto. Una convinzione obiettiva - prosegue la nota - scaturita dall'attento esame svolto dall'apposita Commissione prontamente istituita all'interno dello stesso Ordine, con esperti indipendenti incaricati di esaminare ogni aspetto medico legato al decesso. Già dalla relazione di tale Commissione non era emersa alcuna negligenza od omissione, proprio come ora chiarito dalle motivazioni della sentenza di appello. Pertanto, sulla base di tali riscontri oggettivi e clinici, l'Ordine - pur attendendo doverosamente le conclusioni della Magistratura - non ha mai esitato a esprimere fiducia e solidarietà ai quei suoi iscritti coinvolti nei procedimenti giudiziari e subito esposti negativamente all'opinione pubblica dai media, infine assolti in appello".

"L'Ordine non è una corporazione ma un'istituzione, un organo ausiliario dello Stato, posto a tutela del cittadino: per primo ha il dovere di accertare eventuali comportamenti non deontologicamente corretti o addirittura negligenti e omissivi delle cure cui ha sempre diritto un paziente, non importa se detenuto. Per primi, quindi, abbiamo voluto fare luce sull'operato dei medici chiamati in causa", sottolinea il presidente dei camici bianchi capitolini, Roberto Lala.

"Accuse frettolose e lanciate come pietre in una sorta di lapidazione mediatica, si sono dimostrare infondate e ingiuste. Ora è stata ristabilita la verità.

Sarebbe bene che questa vicenda, davvero triste, facesse riflettere sulla leggerezza con cui i medici vengono ormai sempre additati preventivamente come colpevoli in ogni situazione clinica avversa, anche se indipendente dal loro operato e dalla loro dedizione".

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it