Giovedì 20 Gennaio 2022
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Giustizia: giornata dedicata alla memoria di Stefano Cucchi, un anno dopo la sua morte PDF Stampa
Condividi
di Dina Galano

Terra, 22 ottobre 2010

Una giornata dedicata alla memoria di Stefano Cucchi nell’anniversario della sua uccisione, ma anche a tutti gli altri. Alle “morti sospette”, alle cause “naturali” non meglio chiarite di decesso in carcere, alle malattie “fulminanti”.
I familiari del giovane geometra deceduto a soli sei giorni dall’arresto per detenzione di stupefacenti, scelgono oggi di condividere la ricorrenza con rappresentanti delle istituzioni, della società civile, del giornalismo perché, ha spiegato il padre di Stefano, Giovanni, “il nostro caso appartiene a questa società”. “Per evitare che questo possa ancora accadere” è scritto sulla locandina che scandisce gli appuntamenti: una messa in suffragio, una rappresentazione teatrale, un dibattito aperto a partire dal libro scritto da Ilaria Cucchi “Vorrei dirti che non eri solo” (edizioni Rizzoli).
Con l’udienza di martedì scorso in cui il Gup Rosalba Liso ha respinto la richiesta della parte civile di una nuova perizia sul corpo del giovane, la famiglia ha subito l’ultima offesa. “La Procura ha manifestato segnali di insofferenza nei nostri confronti che ci hanno veramente umiliato”, ha dichiarato il padre alla vigilia dell’anniversario. “Pretendiamo la stessa chiarezza e la stessa onestà - ha aggiunto con cui noi stiamo cercando di affrontare questa doloroso dramma che ci è capitato”. Restituire dignità a Stefano, ripete la famiglia.
Alla sua vicenda e a quella delle altre “morti di carcere” è dedicato l’annuale rapporto dell’associazione Antigone sulle condizioni di detenzione in Italia. Un dossier la cui pubblicazione è stata fatta coincidere con l’anniversario di oggi perché, si spiega nell’introduzione, “si descrivono alcune delle condizioni che hanno reso possibile la tragedia di una persona fragile. in quel momento pressoché indifesa, uccisa mentre era nelle mani dello Stato che dovrebbe avere come obiettivo irrinunciabile la garanzia della sicurezza dei suoi cittadini”. Nella ricostruzione di un anno dietro le sbarre, Antigone si affida agli interventi di parlamentari che finora hanno tentato di portare in Aula il tema del sovraffollamento carcerario e dell’eccessivo ricorso alla reclusione.
Dalla radicale Rita Bernardini al democratico Guido Melis senza trascurare membri della maggioranza come il deputato Fli Flavia Perina, né delle forze politiche extraparlamentari di Sel e Prc. A caratterizzare l’anno trascorso in carcere, secondo il dossier, gli “indurimenti delle leggi penali e delle pratiche di polizia”, ma anche interventi legislativi come l’approvazione del pacchetto sicurezza dell’agosto 2009. Le carceri sono sempre più piene, sfiorano le 70mila presenze; mentre continuano le pressioni politiche per irrigidire ulteriormente le condizioni di detenzione. L’ultima proposta, a firma Lega Nord, vorrebbe estendere il regime del 41bis ai casi di omicidio particolarmente efferati, “delitti odiosi” da punire col carcere duro. In controtendenza con il crescente allarme sociale, Antigone rende la fotografia di un sistema allo stremo che necessita di trovare alternative alla cella chiusa.
 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it