Venerdì 21 Gennaio 2022
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Brasile: Frattini; Lula estradi subito Cesare Battisti, non manchi di rispetto all’Italia PDF Stampa
Condividi
Ansa, 13 settembre 2010

“Chiederemo alle autorità brasiliane che prima della fine del suo mandato il presidente Lula applichi il trattato di estradizione in vigore tra Italia e Brasile per il terrorista Cesare Battisti” detenuto in Brasile. L’ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini nel corso di un dibattito alla festa dei giovani del Pdl a Roma.
L’applicazione del trattato “sarebbe un atto di rispetto verso il diritto, l’Italia, l’Ue e verso una legge che il Brasile è tenuto a rispettare”, ha spiegato il ministro precisando che “il nostro non è un appello alla clemenza bensì un richiamo ad applicare le regole. Per ora ci limitiamo a chiedere questo”, ha aggiunto Frattini sottolineando che qualsiasi parola in più “danneggerebbe la voglia di avere Battisti in Italia”. Battisti deve scontare in Italia due ergastoli per alcuni omicidi, tra cui quello del capo della guardie carcerarie di Udine, il maresciallo Antonio Santoro. Secondo il ministro Ronchi, invece, la vicenda Battisti ha segnato “un fallimento” per l’Ue. “Un fallimento politico, l’Ue ha molto deluso” nell’affrontare il caso del terrorista italiano.
 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it