Domenica 23 Gennaio 2022
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Giustizia: il Decreto sui detenuti stranieri, ovvero la montagna che ha partorito il topolino PDF Stampa
Condividi
di Riccardo Arena

www.radiocarcere.com, 9 settembre 2010

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legislativo per disciplinare il trasferimento delle persone straniere condannate dall'Italia verso lo Stato di cittadinanza. Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, non ha mancato di sottolineare "il successo straordinario" che il Governo ha raggiunto con tale decreto e ha aggiunto: "In questo modo il Governo intende dare una risposta concreta all'emergenza del sovraffollamento carcerario attraverso il trasferimento dei condannati stranieri". Bravo! Bene! Bis!
Anche se, a ben vedere, il decreto "importantissimo" riguarderà solo i detenuti stranieri che appartengono all'Unione Europea e non solo. A conti fatti, come ammesso dallo stesso Alfano, i detenuti stranieri che potranno essere trasferiti in altri Stati dell'Unione Europea saranno solo 1.214. Insomma, la montagna ha partorito il topolino.
Infatti i detenuti stranieri in Italia sono più di 24.600. 12 mila imputati e più di 12.400 condannati. Tra questi solo pochi fanno parte della Ue. I dati: 5.229 sono del Marocco, 3.155 della Tunisia, 3.309 della Romania, 2.920 dell'Albania e 1.203 della Nigeria. Solo per citarne alcuni. Non era più logico siglare accordi con i paesi da cui arrivano il maggior numero dei condannati? Evidentemente a via Arenula, come a Palazzo Chigi, conta di più la propaganda che la logica, ed è così che si approva un decreto che forse trasferirà nei loro paesi solo 1.200 stranieri. Un altro "successo straordinario" del Governo.
 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it