Domenica 08 Dicembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

 

 

La voce dei dannati corre sul filo (Di Gino Rannesi, Spoleto) PDF Stampa E-mail
Condividi

Sono il catanese Girolamo Rannesi, Gino x gli amici. In carcere dal 10.11.1992. Con condanna all'ergastolo per diversi omicidi che sarebbero maturati in un contesto di "guerra." Le c.d. guerre tra clan contrapposti, dove tutti avrebbero avuto la possibilità di attaccare di difendersi o di scappare... Telefonare dal carcere in Italia non è poi così semplice. In molti istituti europei il detenuto è in possesso di una carta prepagata che gli consente di telefonare ai propri cari quando desidera. In molti carceri sud americani invece usano ancora il gettone, ma, si sa, questi non sono all'avanguardia come in Europa o negli stati uniti d' America. E in Italia invece? È risaputo come questa un tempo era ritenuta la "culla del diritto." Così in Italia: I detenuti c.d. comuni potrebbero effettuare una telefonata a settimana, ma con le carceri che scoppiano diventa una vera e propria impresa. Esempio, se in una struttura che può contenere 400 detenuti ve ne sono ristretti 1200, con tutta la buona volontà da parte delle direzioni diventa impossibile accontentare tutti. Il problema invece quasi non si pone nelle sezione di alta sicurezza, ossia, as1, as2, as3. Per non parlare poi del regime speciale il c.d. 41 bis. La stragrande maggioranza dei detenuti ivi ristretti nelle sezioni AS (alta sicurezza) sono stati condannati con l'aggravante del 4bis, ragion per cui questi non possono effettuare più di due telefonate al mese. L'aggravante dell'art. 4bis è stato introdotto nel 1992 dopo le stragi di "mafia". L’art. 4 bis spara nel mucchio. Infatti, questo, introdotto dopo le stragi di "mafia" è stato comminato per innumerevoli reati che nulla hanno avuto a che fare con quelle stragi. Il 41 bis, anch'esso introdotto dopo le stragi di "mafia" vieta quasi del tutto le telefonate. Premesso che chi è stato sottoposto al regime del 41 bis per 13 lunghi anni. Così in regime del 41bis. Come già detto chi è sottoposto al regime speciale può effettuare solo un'ora di  colloquio al mese, ma nel caso in cui questo per qualche motivo non dovesse essere espletato, in ; quel caso e solo in quel caso il detenuto può avanzare richiesta per l'effettuazione di una telefonata. La stessa se autorizzata potrà essere espletata nei seguenti modi. Il carcere dove il soggetto è detenuto contatterà il carcere più prossimo all'abitazione dei congiunti che si intende contattare, questi ultimi nell'ora prestabilita si recheranno nel carcere più vicino. Lì, in un “tugurio” attenderanno che dall'altra parte del filo l'agente preposto: prego può parlare … Questo accade perché i parenti dei soggetti che sono sottoposti al regime del 41 bis non possono ricevere la telefonata nell'utenza presso la propria abitazione. (motivi di sicurezza) Dunque, una sola telefonata al mese, a condizione però che in quel mese il detenuto non effettuerà l'ora di "colloquio" visivo. Chi è stato echi è sottoposto al regime del 41 bis, può effettuare un'ora soltanto di "colloquio" al mese. Questo avviene attraverso I'ausilio di un grosso vetro divisorio. Ho visto bambini piccoli tendere le braccia verso il genitore nell'invano tentativo di essere presi in braccio. Ho visto bambini piccoli battere le loro manine contro quell'infame vetro divisorio. Ho visto donne immerse in un pianto inconsolabile. Ho visto uomini umiliati, mortificati, ho visto Ho visto famiglie distrutte immolate in nome della sicurezza. Ho visto uomini zelanti che parlano a vanvera: Oggi la mafia è più forte di un tempo, è così forte che non ha più bisogno di sparare. Vita facile per costoro perché nessuno ha il coraggio di chiedergli: Se la vostra mafia è più forte di un tempo, perché continuate ad infliggere sofferenze a donne e bambini? Inoltre, che cazzo ne avete fatto di tutti i soldi spesi per combattere la mafia?

 

Di Gino Rannesi

Spoleto, Marzo 2012

 

 

 

 

 


Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it