Giovedì 27 Gennaio 2022
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Giustizia: Sonia Alfano (Idv); non condivido il pensieri di Cimadoro su suicidio dei detenuti PDF Stampa
Condividi
Il Velino, 23 giugno 2010

“Non condivido il gesto di solidarietà di Cimadoro nei confronti del leghista Buonanno e anzi lo invito, come ha già fatto il capogruppo di Italia dei valori alla Camera, Massimo Donadi, a riflettere su quanto detto”. Lo dice Sonia Alfano, europarlamentare dell’Italia dei valori. Gabriele Cimadoro (Idv) oggi in aula a Montecitorio ha espresso solidarietà a Buonanno (Lnp) che l’altro ieri, alla notizia del suicidio di un detenuto al 41-bis, ha sostenuto che “se altri pedofili e mafiosi facessero la stessa cosa non sarebbe affatto male”.
“Io, che ho visto mio padre morire sotto i colpi della mafia - sottolinea Sonia Alfano - potrei utilizzare parole sprezzanti e riversare tutta la rabbia accumulata, invece da mesi ho avviato un giro dei reparti 41-bis e incontrato esponenti mafiosi dello spessore di Riina, Provenzano e molti altri - prosegue - anche coinvolti nella mia storia personale, per parlare con loro e verificare lo stato delle carceri. Sarebbe opportuno piuttosto soffermarsi sul significato di “stato di diritto” e sulla necessità di garantire la certezza della pena. Il partito si è sempre schierato a difesa dei diritti umani e della Costituzione e certi valori non possono essere negati; per fortuna nei codici del nostro Paese non è prevista la pena di morte - conclude - per cui certi giudizi e criteri di crudeltà non mi appartengono e ne prendo le distanze”.
 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it