Mercoledì 01 Dicembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Marche. "Corsi per reinserire i detenuti" PDF Stampa
Condividi

Il Resto del Carlino, 6 settembre 2021


Il Garante regionale Giulianelli ha incontrato il prefetto Filippi. Poi la visita alla Comunità di Capodarco. Per garantire i diritti fondamentali di tutte le persone, occorre unire le forze. Ne è convinto il garante regionale dei diritti, Giancarlo Giulianelli, che ha avuto due importanti incontri a Fermo. Giulianelli ha da tempo avviato una serie di confronti con i prefetti di tutto il territorio marchigiano, proprio per arrivare ad avere una conoscenza più approfondita dei territori e delle problematiche di ciascuno.

A Fermo, l'incontro è stato col prefetto Vincenza Filippi, per un dialogo attento e costruttivo. "È stata una prima riflessione condivisa - sottolinea Giulianelli - che ci ha permesso di entrare nella specificità di alcune situazioni contingenti e di esaminare i possibili percorsi da intraprendere in un spirito di massima collaborazione". Tra le diverse tematiche poste in primo piano, quelle riferite alla sfera d'intervento su infanzia e adolescenza, alla realtà dei minori stranieri non accompagnati, agli arrivi dall'Afghanistan ed all'ospitalità da offrire. Al centro dell'attenzione anche la situazione degli istituti penitenziari. Già a luglio il garante era stato a Fermo per il sopralluogo presso la locale casa di reclusione, dove aveva avuto incontri con il direttore, la comandante della Polizia penitenziaria e con gli stessi detenuti.

Tra le problematiche affrontate, quella relativa alla mancanza di attività trattamentali, anche per l'assenza di personale specifico: "Anche a Fermo si cercherà di attivare interventi - ha sottolineato Giulianelli - che sappiano dare risposte soddisfacenti in questa direzione, come l'organizzazione di corsi che possano risultare utili ai detenuti per un loro futuro reinserimento nella società". Secondo appuntamento fermano del garante con il presidente della Comunità di Capodarco, don Vinicio Albanesi, e con il direttore Riccardo Sollini: "Anche in questo caso i minori sono stati oggetto di ampia riflessione e non è mancata una valutazione sulle progettualità da porre in essere. Ma è stata anche l'occasione per l'avvio di un percorso sulla realtà delle comunità d'accoglienza, che intendiamo portare avanti a partire dalle prossime settimane attraverso diversi interlocutori". In questa direzione il Garante ha anche avuto modo di visitare un'altra struttura dedicata alle vittime di violenza, che fa capo alla stessa comunità fermana. Nel corso del colloquio c'è stata anche l'occasione per un approfondimento sulla situazione delle persone in fuga dall'Afghanistan, con la Comunità di Capodarco che è stata una delle prime a rendersi disponibile per l'accoglienza.

 

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it