Mercoledì 01 Dicembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Egitto. Chiuse le indagini nei confronti di alcuni difensori dei diritti umani PDF Stampa
Condividi

di Riccardo Noury


Il Fatto Quotidiano, 6 settembre 2021

 

Il 30 agosto, attraverso un comunicato stampa, il giudice dell'inchiesta nota come "caso 173/2011" ha annunciato la chiusura delle indagini, l'annullamento del divieto di viaggio all'estero e la fine del congelamento dei patrimoni nei confronti di quattro organizzazioni non governative egiziane e di loro esponenti, tra cui Azza Soliman, Esraa Abdelfattah, Negad El Bor'ei, Hossam Ali e Magdy Abdelhamid.

Non è ancora noto se il ministero dell'Interno abbia già tolto ufficialmente i loro nomi dall'elenco delle persone sottoposte a divieto di viaggio. Dal 2014 il "caso 173/2011" si occupa delle attività e dei finanziamenti dall'estero delle Ong egiziane. Nell'ambito dell'inchiesta sono stati emessi provvedimenti di congelamento dei patrimoni di sette Ong e di 10 difensori dei diritti umani e di divieto di viaggio all'estero per sei anni nei confronti di almeno 31 difensori dei diritti umani e impiegati di Ong. Le indagini vanno ancora avanti nei confronti di altri importanti difensori dei diritti umani, tra i quali Gamal Eid, direttore della Rete araba d'informazione sui diritti umani; Hossam Bahgat, fondatore e direttore dell'Iniziativa egiziana per i diritti personali, l'Ong per cui lavorava come ricercatore Patrick Zaki; Mozn Hassan, direttrice del Centro "Nazra" per gli studi femministi; Mohamed Zaree, direttore dei programmi dell'Istituto del Cairo per gli studi sui diritti umani; Aida Seif al-Dawla, Magda Adly e Suzan Fayad, fondatrici e direttrici del Centro "El-Nadeem" per la riabilitazione delle vittime della tortura. Al di là del "caso 173/2011", almeno 13 difensori dei diritti umani e impiegati di Ong restano dietro le sbarre per infondate accuse di terrorismo e altre decine di loro rischiano processi arbitrari per accuse quali la diffusione di notizie false.

*Portavoce di Amnesty International Italia

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it