Sabato 27 Novembre 2021
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage


sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Login



 

 

Stati Uniti. Sarà liberato dopo 53 anni l'assassino di Robert Kennedy PDF Stampa
Condividi

Corriere della Sera, 28 agosto 2021


Douglas Kennedy: "Ora sono grato perché vedo un essere umano che merita compassione". Dopo 53 anni di carcere sarà liberato Sirhan Sirhan, condannato all'ergastolo per aver assassinato di Robert Kennedy, candidato alle presidenziali del 1968, ucciso a colpi di pistola all'Hotel Ambassador a Los Angeles, poco dopo aver tenuto un discorso in seguito alla sua vittoria alle importanti primarie democratiche in California.

A spingere per la scarcerazione si erano schierati nei giorni scorsi personaggi eccellenti. I due figli del senatore democratico, Robert F. Kennedy Jr. e Douglas Kennedy, si sono espressi a favore della scarcerazione di Shirhan durante la sua sedicesima udienza presso la commissione per la libertà vigilata. Sono sopraffatto dall'essere stato in grado di vedere Shiran faccia a faccia", ha dichiarato Douglas Kennedy, "credo di aver vissuto la mia vita nella paura di lui e del suo nome, in un modo o nell'altro. E sono grato oggi di vederlo come un essere umano meritevole di compassione e amore".

Da rifugiato palestinese cristiano, Sirhan aveva maturato odio nei confronti di Kennedy per il suo sostegno agli aiuti militari statunitensi per Israele e il suo atto (otto pallottole, che ferirono altre cinque persone), gli costò la condanna a morte il 17 aprile 1969, sentenza commutata in ergastolo nel 1972, dopo che la Corte Suprema della California nel 1972 abolì temporaneamente la pena capitale.

La decisione del rilascio sarà ora riesaminata nei prossimi 90 giorni dal Parole Board della California prima che diventi definitiva. Poi il governato dello stato, Gavin Newsom, avrà 30 giorni di tempo per confermare il rilascio del 77enne Sirhan, respingerlo o rinviare la decisione al board. Era la sedicesima volta che Sirhan compariva davanti alla commissione californiana, la prima però in cui la procura non si era presentata a sostenere la necessità che il condannato restasse dietro le sbarre.

 

 

 

 

 

 

Federazione-Informazione




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it